Una grande festa che scalderà i cuori della città

Rovigo – La città è in fermento e intorno alla 40esima edizione del Torneo internazionale Aldo Milani riservato alla categoria Under 16 sono tante le iniziative collaterali che precederanno il 3 e 4 maggio, e che contestualmente hanno arricchito proprio lo stadio Battaglini con la loro significativa presenza. Un torneo, il più antico del mondo della categoria, che vive ancora di ottima salute grazie all’apporto della Fir (Federazione Italia rugby) e del presidente Alfredo Gavazzi, Crv (Comitato Regionale Veneto) rappresentato da Marzio Innocenti, del Coni e del Panathlon di Rovigo, e delle istituzioni locali, provinciali e regionali. Diverse le novità che ora dopo ora si sono materializzate durante la settimana che precede l’evento. Allo stadio Battaglini sarà presente uno stand dell’Associazione di volontariato Una Natura Animali (UNA), scopo dell’associazione è quello di ridurre il fenomeno del randagismo Felino, di gestione di colonie, della cattura e sterilizzazione di gatti randagi e di promuovere la loro adozione (per eventuali contatti cell. 348/9041071 email: una.rovigo@libero.it). Vi sarà anche uno stand di Emergency, e non ha bisogno di ulteriori presentazioni, ed inoltre per la prima volta, durante la giornata delle finali, sarà presente un complesso musicale con annesse majorettes. E’ la Banda città di Monselice, che nella giornata di domenica 4 maggio, in onore delle squadre straniere partecipanti al torneo Elite, eseguirà i relativi Inni. Presente allo stadio ci sarà anche Raimondo Zavaglia, appassionato di rugby, ragazzo disabile, segue con passione gli allenamenti e le partite della Nazionale. Invitato dall’organizzazione del Club Aldo Milani, l’aquilano confessa di essere onorato, la città di Rovigo è pronta ad accoglierlo a braccia aperte. Non solo rugby dunque per festeggiare la 40esima edizione, ma una festa per tutti, una macchina organizzativa che ha coinvolto a vari livelli tutto il mondo ovale rodigino: le Rose, le Posse Rossoblù, I Veci della Rugby Rovigo, il Frassinelle, la Club House oltre ovviamente alla Vea FemiCz e alla Monti Junior Rovigo. Inutile sottolineare che la presenza di Naas Botha al Battaglini sarà la classica ciliegina sulla torta, un invito che il campione sudafricano, due volte campione d’Italia con la maglia rossoblù, ha accettato subito di buon grado.La visita del celebre sudafricano è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra il Comitato Coni di Rovigo e il Club Aldo Milani, supportati dalla stessa Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, che per l’occasione ha organizzato un convegno dedicato allo sport professionistico e che si terrà in Accademia dei Concordi il 2 maggio.

Ma tutto ciò, senza l’apporto incondizionato dell’assessorato allo Sport di Rovigo Andrea Bimbatti, non sarebbe stato possibile, un patrocinio non solo a parole, ma con molti fatti ”Mancano ormai pochissimi giorni ad un intenso fine settimana di rugby che vivrà la città di Rovigo e che solo grazie all’instancabile impegno degli organizzatori del club Aldo Milani porterà città un personaggio memorabile per tutti gli amanti di questo sport come Naas Botha. Sarà festa per tanti motivi, in una città che è in trepidante attesa per il finale di stagione che ci sta regalando la Vea Femi Cz Rovigo, dopo un’annata straordinaria; si festeggerà un traguardo storico, quarant anni consecutivi di un torneo unico nel suo genere e vetrina per tanti giovani che poi, in alcuni casi, hanno indossato le maglie delle loro prime squadre o anche delle loro rispettive nazionali”.

Sarà una settimana impegnativa per tutti gli addetti ai lavori, gli organizzatori e anche per l’assessore allo Sport Andrea Bimbatti che rivivrà emozioni vissute da ragazzo: “Avrò l’onore di partecipare ai vari appuntamenti che ci porteranno poi al Battaglini sabato e domenica prossimi, ma parteciperò soprattutto come tifoso, come giovane che ha vissuto da bambino le gesta del campione Naas Botha, portando con me qualche ricordo di partite viste allo stadio con mio padre, ma sopratutto di quella finale a Brescia, un’istantanea indelebile che ha segnato la storia della nostra società e della nostra città. Saranno giorni stupendi per chi ricorda e chi ha vissuto pienamente le gesta di questo indiscusso campione, particolare anche per il suo carattere che lo faceva apparire quasi distaccato dal mondo che lo adorava; sarà emozionante per i tanti giovani, per i tanti tifosi che non hanno potuto vedere le sue gesta espresse sul terreno di gioco ma che potranno sentire dalla sua voce il ricordo di emozioni, successi, incontri vissuti in una Rovigo dove il rugby in quegli anni era come l’ossigeno che si respirava per le strade”.

L’attesa cresce, e mai come in questa edizione, le emozioni al Battaglini saranno molteplici “Il torneo “Aldo Milani” che raggiunge questo importantissimo compleanno, ci conferma invece come il rugby sia la nostra bandiera nel Mondo – commenta Andrea Bimbatti – e come si possa anche pensare a un capoluogo in grado di ospitare eventi di caratura nazionale ed internazionale; pur nei suoi limiti Rovigo sa essere città accogliente e dobbiamo essere orgogliosi di ciò che possiamo mettere a disposizione dei tanti atleti e dirigenti che raggiungeranno Rovigo, in particolare per la fortuna che avranno di calpestare quel prato verde che ogni giocatore di rugby vorrebbe poter frequentare, il Battaglini. Un sentito ringraziamento a tutti i dirigenti, sponsor, volontari che si prestano da anni per offrire a Rovigo questo importantissimo evento, questa edizione in particolare saprà regalare emozioni forti, non solo per la memoria di chi ha qualche anno in più, con la straordinaria presenza di Naas Botha, ma soprattutto sarà uno stimolo a chi in questi anni si sta impegnando, con il sudore, con la fatica, con i soldi, in uno sport ricco di valori utilissimi in questo momento storico, a riscrivere pagine importanti di successo per il nostro presente che sarà la storia del domani. Invito tutti i tifosi, gli appassionati ed anche ai curiosi di riempire le tribune del Battaglini per una grande festa che scalderà il cuore di tutta la città”.

Squadre partecipanti 40