Un weekend da Padua

Quello appena trascorso è stato un weekend importante per il Padua Rugby Ragusa. Sabato, nell’ambito della manifestazione “Bacco in porto”, inserita nel cartellone dell’“Addio all’Estate 2014”, che si è tenuta nella piazzetta del Porto Turistico di Marina di Ragusa, la società biancazzurra ha presentato le formazioni che prenderanno parte ai diversi campionati, mentre oggi, al campo del rugby di via della Costituzione, ha affrontato, seppur solo in amichevole, la Nissa, dimostrando di essere sulla buona strada per recitare un ruolo non da cenerentola nel prossimo campionato di serie B che prenderà il via domenica 5 ottobre.
Ma andiamo per ordine. Davanti a quasi un migliaio di persone sono state presentate le diverse formazioni del Padua, insieme a Jacques Brunel, il Commissario Tecnico della Nazionale Italiana di rugby, e Gino Troiani, Team Manager degli Azzurri, che, grazie a RugbyljaHub, sono saliti sul palco per abbracciare idealmente tutti i giocatori che quest’anno vestiranno la maglia biancazzurra paduina.
L’inizio della serata ha visto però protagonisti quei giocatori che 47 anni fa, era il 1967, indossavano il bianco e l’azzurro. Con loro gli ultimi arrivati, i cuccioli del Padua, bambini dai 5 ai 10 anni che si sono avvicinati allo sport della palla ovale solo da qualche giorno ma che hanno già il rugby dentro al cuore.
Poi, in ordine di categoria, hanno ricevuto gli appalusi del pubblico le squadre dell’Under14, Under16 e Under18.
Quindi riflettori puntati sulle Mamme del Terzo Tempo che, abbandonati simbolicamente i mestoli e le pentole dello stand “Terzo Tempo Padua”, che per tutta la serata ha sfamato i tanti turisti e ragusani presenti al Porto, hanno condiviso la filosofia che anima questo particolare momento con tutti i presenti.
A seguire la formazione Senior, guidata dal neo allenatore Guillermo Montes che, a dispetto del suo apparire schivo e riservato, è stato protagonista di un siparietto degno della migliore scuola di cabaret. Durante l’intervista di rito, ha dichiarato che nel rugby si condivide tutto e pertanto, dopo aver dato l’esempio baciando per primo la brava presentatrice della serata, Liliana Beninato, ha fatto sfilare ad uno ad uno tutti i giocatori che hanno ripetuto lo stesso simpatico ed educato omaggio. La “povera” Liliana si è così portata a casa una quarantina di baci oltre agli applausi divertiti del pubblico.
Una battuta è stata anche concessa a Giuseppe Zambuto, titolare di RugbyOutlet, che da quest’anno sarà sponsor tecnico della società paduina.
Infine, come detto, Jacques Brunel e Gino Troiani, insieme al presidente biancazzurro, Vittorio Vindigni, e al responsabile di RugbyljaHub, Pancrazio Auteri, hanno fatto gli auguri al Padua, brindando ai futuri successi della società iblea.
Stamattina invece la banda Montes ha giocato la prima amichevole stagionale. Come da previsione, non è stata una partita bellissima. Si è giocato a sprazzi, e solo in quei momenti si è visto un buon rugby, veloce e grintoso. Il Padua ha messo in mostra la mischia, che ha sempre tenuto testa ai più pesanti avversari e che, in diverse occasioni, è riuscita anche a spingere indietro il pacchetto nisseno. Buona comunque la prova di tutti gli uomini che nel corso degli ottanta minuti si sono avvicendati in campo.
Per la cronaca, l’incontro è stato vinto dalla squadra di casa per 22 a 5, con mete, per i biancazzurri, di Michele Campanella, doppietta, e di Enoc Valenti e Antonio Modica.
Moderatamente soddisfatto coach Montes: “È stata la nostra prima uscita ufficiale e per questo mi posso accontentare. Ma dobbiamo usare di più la testa».
Domenica prossima, questa volta al Tomaselli di Caltanissetta, la replica.

I contatti c’erano stati fin dall’inizio dell’estate, ma solo adesso è stato messo nero su bianco. Parliamo della cessione del giovane mediano di mischia paduino Marco Giallongo all’Udine che quest’anno disputerà il campionato di serie A.
“Il ragazzo la scorsa stagione si era messo in mostra giocando con l’Accademia del Rugby di Catania, oltre che nelle occasioni in cui è stato chiamato a giocare in serie B con la prima squadra», ci ha detto il presidente della società iblea, Vittorio Vindigni. “Dunque era normale che ricevessimo diverse proposte da club che militano in serie A. Di comune accordo con Marco e la sua famiglia abbiamo scelto Udine perché crediamo sia la società ideale per farlo crescere».
Giallongo è stato ceduto con la formula del prestito e dunque alla fine della stagione l’atleta ritornerà alla “casa madre”, “sicuramente cresciuto sia come giocatore che, soprattutto, come uomo».
“Marco Giallongo», ha continuato Vindigni, “è solo l’ultimo di una schiera di nostri giocatori che, dopo essere cresciuti nel Padua, sono andati a calcare palcoscenici più prestigiosi. Il primo è stato Mirko Amenta, che adesso gioca nelle Fiamme Oro Roma in Eccellenza, cui sono seguiti Alessandro Alparone e Adriano Nicita, che in questo momento vestono la maglia del Cus Torino in serie A, mentre in B attualmente giocano Attilio Tumino, Giulio Battaglia e Gabriele Calamaro, rispettivamente con Primavera Roma, Cus Ferrara e Amatori Catania».
La società biancazzurra, dunque, si conferma una fucina di talenti. Segno che la “Grande Scuola Padua” è sempre un passo avanti e ha al suo interno “professori” che potrebbero tranquillamente insegnare all’Università.
Per quanto riguarda invece il rugby giocato, la società iblea comunica che il previsto incontro amichevole tra il Padua e la Nissa, che si sarebbe dovuto tenere domenica prossima al Tomaselli di Caltanissetta, è stato annullato per la sopraggiunta indisponibilità della squadra nissena.
Lo staff tecnico biancazzurro ha così deciso di organizzare per giovedì una partitella in famiglia tra la squadra Senior e l’Under18.
Per rivedere il Padua all’opera con un “vero” avversario bisognerà quindi aspettare il 28 settembre quando, sempre a Ragusa, gli iblei ospiteranno il Cus Catania, squadra che milita nel campionato di C1 ma che domenica scorsa è stata capace di vincere in casa dell’Amatori Catania. Nella stessa giornata si affronteranno, sempre in amichevole, anche le formazioni Under18 di Padua e Cus.

L’articolo Un weekend da Padua sembra essere il primo su On Rugby.