Un compleanno speciale nel segno della storia

Quello che si appresta a vivere la città sarà ricordato come un evento storico. Il Torneo Internazionale di rugby giovanile Aldo Milano compie 40 anni, ed è il più longevo, e riconosciuto in tutto il mondo come una manifestazione dal fascino particolare. Ragazzi di tutta Italia e di Sud Africa, Inghilterra, Francia e Galles, non solo avranno la possibilità di contendersi i due trofei in palio, il ‘classico’ e quello riservato all’Elite, ma avranno modo di confrontarsi, conoscersi, condividere momenti di crescita individuale che li renderanno uomini migliori. Una missione quella del comitato organizzatore perseguita nel tempo con sacrificio e la preziosa collaborazione di Federazione, istituzioni e sponsor.

“Un doveroso ringraziamento – commenta il presidente del club Aldo Milani Roberto Aggio – va al main sponsor Adriatic Lng che anche per questa edizione ha voluto confermare il proprio sostengo al mondo sportivo giovanile, linfa vitale per la crescita dei nostri ragazzi. La Regione Veneto, la Provincia di Rovigo, il Comune, il Coni e la Fondazione Cariparo hanno avuto un ruolo fondamentale, senza il loro sostegno e patrocinio la manifestazione assumerebbe un tono minore”.
Mirco e Mauro Bergamasco, Marco Bortolami, Michele Rizzo, Antonio Pavanello, Leonardo Ghirladini ed Alessandro Zanni, sono solo alcuni dei campioni azzurri che sono passati per il campo Battaglini e che hanno partecipato in gioventù al Torneo Aldo Milani.
Un torneo arricchito da ospiti speciali, a Rovigo farà ritorno Naas Botha, il più grande mediano d’apertura di tutti tempi, colui che fu l’artefice, insieme a Gert Smal, Tito Lupini ed un gruppo di giovani talenti polesani, degli ultimi due scudetti rossoblù. Una leggenda di questo sport che avrà modo di condividere le proprie emozioni con i giovani atleti.
“Oltre ai vari premi che di consueto vengono assegnati durante la manifestazione – annuncia Roberto Aggio – da questa edizione ci sarà un riconoscimento particolare per il miglior mediano di mischia della competizione patrocinato dal Centro commerciale La Fattoria di Rovigo. Una coppa che per il comitato organizzatore ha una valenza particolare, Aldo Milani nel suo ruolo era moto apprezzato, ed oltre alla maglia rossoblù ha indossato anche quella del Treviso vincendo uno scudetto nel 1956″.

Ma oltre ai trofei in palio anche per questa edizione ci saranno targhe prestigiose che ricordano gli atleti del passato e tutti coloro sono stati vicini in un modo o nell’altro ai colori rossoblù ed al mondo del rugby.

28esima targa Vittorio Bordon, detto Biso, è stato per molti anni giocatore della Rugby Rovigo e compagno di squadra di Aldo Milani; 15esima targa “Paolo Cesaro” al miglior numero 8 del torneo. Il Premio, offerto dal Rugby club “Bersaglieri” S.Sisto, è dedicato ad un supertifoso della Rugby Rovigo il quale, pur abitando in provincia di Treviso, non ha mai perso una trasferta con il club a seguito della squadra del cuore; 20esima targa “Stefano Casotti” alla squadra migliore realizzatrice (ossia la formazione che durante il torneo ha realizzato le mete di migliore qualità tecnica), Come a ogni edizione gli amici di Stefano, desiderano rendere omaggio al loro grande amico assegnando questo premio sportivo a un club intero per rendere vivo il ricordo dei sentimenti di amicizia che lo legavano ai compagni di squadra e agli amici; 17esimo trofeo Fair Play Panathlon (alla squadra o alla persona autore di un gesto degno del miglior fair play). Il premio, istituito dal Panathlon di Rovigo, viene intitolato al Dott. Antonio Ricchieri, indimenticato presidente del Panathlon Club cittadino; 14esimo trofeo “Andrea dal Martello” (al miglior trequarti ala). Gli amici, compagni di squadra, con questo trofeo vogliono ricordare la sua giovinezza stroncata.

Decimo trofeo “Le Felci d’Oro”(alla squadra miglior realizzatrice). Il Club Le Felci d’Oro di Rovigo (ex rugbisti appartenenti alle forze di Polizia) consegnerà il trofeo alla squadra che segna più mete. I risultati e classifica sul sito: www.felcidoro.it.

Sesta edizione targa Ciar al giocatore più giovane del torneo.

Squadre partecipanti 40