Treviso sceglie: Casellato o Brunello?

Umberto Casellato o Massimo Brunello. La scelta in merito al futuro allenatore della Benetton Treviso dovrebbe ricadere su questi due nomi. Stando infatti a quanto propone questa mattina il Gazzettino di Treviso, che sottolinea come le candidature di Guidi e Cavinato, care alla Fir, siano state scartate. Più a fondo va invece l’analisi del Corriere del Veneto, che tratta anche la questione giocatori. ”Mentre la situazione italiana era bloccata – spiega in maniera esauriente l’articolo – la corsa per un ingaggio all’estero ha generato un caso spinoso come quello di Bob Barbieri. Il flanker canadese ha firmato in tutta fretta un pre-contratto con il Leicester, dove si accasano anche Ghiraldini e Rizzo. A differenza dei due padovani Barbieri ha tuttavia un impegno con il Benetton anche alla prossima stagione. La mancata partecipazione al Proi2 avrebbe fatto decadere gli obblighi contrattuali, ma ora il canadese dovrà pagare una penale a Treviso per svincolarsi e trasferirsi nella Premiership inglese. Potrebbe comunque scegliere di restare e di far parte quindi del ristretto gruppo di azzurri (Gori, Minto, Bernabò, Campagnaro, Esposito) che rappresenterà la continuità in casa biancoverde assieme a Nitoglia, Pratichetti e Maistri. Parte dei nazionali più quotati si sono già accasati all’estero (Cittadini, Ghiraldini, Rizzo) ed altri sono in procinto di farlo (Zanni, De Marchi, McLean), ma in ogni caso Treviso ha fatto capire fin dall’inizio di non essere disposta a grandi sacrifici per trattenerli. Sicuramente al capolinea anche l’esperienza biancoverde dei sudafricani Van Zyl e Botes, oltre che di Loamanu, mentre l’avanzare dell’età pesa sempre più sulla tenuta a livello europeo di Williams, Fernandez-Rouyet, Di Santo. I ricambi nell’organico biancoverde non saranno meno di una quindicina, lasciando da parte le doverose verifiche sulle condizioni fisiche di Minto, Morisi e Muccignat dopo i problemi di quest’anno”.