Top14, pene più severe per dirigenti e giocatori

ph. Benoit Tessier/Action Images

Nuove misure disciplinari a carico dei tecnici del Top 14. Il prsidente della LNR Paul Goze ha fatto dichiarato a Midi Olympique che verranno inasprite le sensazioni pecuniarie a carico degli allenatori in caso di critiche e dichiarazioni pubbliche contrarie allo spirito del gioco. Il pensiero va ovviamente al tecnico del Tolone Laporte, che l’anno scorso si è beccato 16 settimane di interdizione per i commenti post sconfitta contro Grenoble. Le pene potranno andare da un minimo di 3.000 a un massimo di 50.000 Euro in caso di dichiarazioni su un singolo match, e da un minimo di 50.000 a un massimo di 300.000 Euro in caso di critiche che denigrino il torneo e il rugby in generale.

Per quanto riguarda i giocatori, la squalifica scatterà al terzo e non al quarto giallo, mentre in caso di protesta scatterà la punizione e il giallo.

L’articolo Top14, pene più severe per dirigenti e giocatori sembra essere il primo su On Rugby.