Terza coppa europea: ma l’Italia c’è o non c’è?

ph. Paul Harding/Action Images

Il Telegraph è sicuramente il quotidiano britannico che in questi mesi complicati di trattative continentali sulle coppe europee è stato quello più rapido a fornire indiscrezioni e anticipazioni e – va detto – quasi sempre molto aderenti ai fatti pur nella sua visione molto anglo-centrica e vicina alle richieste dei club della Premiership.
Oggi pubblica un articolo in cui viene spiegato il funzionamento della nuova terza competizione europea: si terrà nel mese di settembre e includerà 12 squadre divise molto probabilmente in due gironi, le due vincitrici andranno a prendere parte alla nuova Challenge Cup. Bene, chi parteciperà a qusto torneo di partecipazione? Georgia, Romania, Russia, Spagna, Portogallo e Belgio. Questo sempre secondo il quotidiano d’oltremanica.
Insomma, l’Italia non è nominata. Un errore o un refuso? Improbabile, ma non possiamo escluderlo a priori. Se così però non fosse si aprirebbe un ventaglio di domande: l’Italia con quante squadre prenderà parte alla nuova Challenge Cup, una come si è sempre detto (Zebre o Benetton, la peggiore classificata delle due nel Pro12) oppure anche con una squadra almeno dall’Eccellenza? O ancora: nessuna squadra e/o selezione del nostro campionato nazionale farà più parte delle competizioni europee? Difficile anche questo, soprattutto se teniamo conto che pure il Belgio partecipa alla terza coppa. Però risposte certe al momento non ce ne sono, speriamo di averne al più presto.

L’articolo Terza coppa europea: ma l’Italia c’è o non c’è? sembra essere il primo su On Rugby.