Terni Rugby: due mete e tanto orgoglio non bastano ancora

Umbria Energy Terni Rugby – Vasari Rugby Arezzo 20-35 (0-5)

Umbria Energy Terni Rugby: Petrucci, Lucchetti, Monicchi, Giorgini, Carapis, Frittella, Angelini, Novelli O. Belli, Canulli, Lausi, Giovenali, Rodà, Fabrizi, Natalini.

A disposizione: Ciccaglioni, Antonelli, M. Belli, Borghetti, Antonini, Ascantini, Cardinali. Allenatore: Mauro Antonini

Vasari Rugby Arezzo: Mastrocola, D’Antonio, Pennisi, Brocchi, Muyodi, Grotti, Rupi, Peruzzi, P. D’Antonio, Omizzolo, Donvito, Casagni, Giabbani, Tarchiani, Roselli.

A disposizione: Boninsegni, Guiducci, Cherkaoui, Baraldo, Ruzzi, Vespi, Pagnotta. Allenatore: Francesco Sacrestano

Punti: 10′ cp Frittella (3-0); 18′ meta Grotti, tr. Grotti (3-7); 25′ cp Frittella (6-7); 30′ meta Peruzzi, tr. Grotti (6-14); 39′ meta Donvito, tr. Grotti (6-21) – 54′ meta Natalini, tr. Frittella (13-21); 64′ meta Grotti, tr. Grotti (13-28); 78′ meta tecnica per l’Arezzo, tr. Grotti (13-35); 80′ meta Natalini, tr. Frittella (20-35).

Ancora applausi per il Terni Rugby che ha dato tutto fino all’ultimo secondo seppur ridotto in 13, ma niente punti al termine di una gara combattuta con grande determinazione, nella quale però, gli ospiti del Vasari Arezzo hanno dimostrato maggiore compattezza nelle fasi più delicate del match, più spinta nelle mischie e maggior organizzazione nelle touche. L’avvio era stato abbastanza equilibrato con il Terni in vantaggio grazie al piede caldo di Marco Frittella (oggi al 100% di trasformazioni con 7 punti all’attivo). Ma poi, prima un buco difensivo nel quale si è infilato il bravo mediano del Vasari e poi una seconda situazione con una mischia a favore sui cinque metri, durante la quale i Draghi non hanno saputo tenere gli avversari che sono andati in meta sulla spinta, hanno girato la gara in favore dei toscani. Molti palloni sprecati in touche in zona d’attacco dai rossoverdi e alla fine del tempo è arrivata anche la terza meta, sempre in uscita da una mischia sul lato sinistro dell’attacco dell’Arezzo. Seconda frazione più spezzettata a causa di un infortunio di un giocatore aretino, uscito in barella, e poi per alcune decisioni arbitrali, un giallo per Arezzo, un rosso diretto per Terni a Omar Belli e un altro giallo a Ciccaglioni che hanno costretto i Draghi a chiudere negli ultimi dieci minuti addirittura in tredici contro quindici.

Prima però c’era stato il tempo per una bella meta di Natalini, sulla spinta della maul rossoverde che sembrava aver riaperto la gara. Ma una nuova fuga di Grotti e una meta tecnica concessa dall’arbitro dopo una mischia sui cinque metri, hanno dato ad Arezzo la possibilità di portarsi a casa anche il bonus. Sul finale ancora una reazione di rabbia e orgoglio dei rossoverdi che hanno chiuso il match con la seconda meta di giornata.

Prossima gara, ancora a Borgo Rivo, domenica prossima con il Livorno.

Intanto, nella giornata di oggi, il settore minirugby è stato super impegnato su più fronti, a Roma e a Rieti, partecipando a ben tre tornei.

Sempre la prossima settimana, appuntamento importante per il Terni Rugby con l’assemblea dei soci, in programma nel pomeriggio di sabato 22 nella nuova tensostruttura di via del Cardellino che sarà inaugurata per l’occasione.