Sergio Parisse: “Mi sono riposato, mi aspetta un anno importante”

sergio parisse

Il capitano dell’Italrugby e dello Stade Français sa che quella che arriva è una stagione fondamentale per il club e la nazionale.

Ha saltato il tour estivo per riprendersi dagli acciacchi degli ultimi mesi, ma ora Sergio Parisse è pronto a tornare a vestire la maglia dello Stade Français e dell’Italia dopo un anno povero di soddisfazioni per il numero 8. Che, però, ora vuole cambiare marcia.

Intervistato da rugbyrama.fr, Parisse parla soprattutto dello Stade Français, ma senza dimenticare l’azzurro e la Rugby World Cup in programma tra poco più di un anno. “Per la prima volta ho saltato il tour estivo. Ma non vuol dire che voglio concentrarmi di più con il club, è stata una decisione presa con Jacques Brunel visti gli infortuni avuti dopo il Sei Nazioni che mi hanno fatto perdere gran parte del finale di stagione. E’ stata anche un’occasione per jacques per provare alternative a numero 8″ dice Parisse, che con l’Italia arriva da una lunga serie di ko e con lo Stade ha fallito l’accesso ai playoff del Top 14 e alla Champions Cup.

I problemi alla schiena restano, ma a 31 anni Parisse sa che non esistono cure miracolose. Però è pronto a dare il suo contributo a Parigi e con gli azzurri. “La nostra squadra è giovane e sicuramente la mia presenza porta esperienza, ma se guardiamo a tutti gli internazionali che abbiamo in rosa si vede che lo Stade lavora bene con i giovani. Ci sono io, ma ci sono anche Pascal Pape e Julien Dupuy, non credo di essere indispensabile” continua Sergio.

Insomma, dopo le delusioni degli ultimi 12 mesi Sergio Parisse ha ricaricato le batterie. Gli obiettivi sono importanti, sia con lo Stade Français sia con l’Italia. “Fermarmi adesso era il momento giusto, anche perché tra un anno c’è la Coppa del Mondo” evidenzia infatti il numero 8 azzurro.

Segui @Rugby1823 su Twitter

Seguici su Google+

Sergio Parisse: “Mi sono riposato, mi aspetta un anno importante” é stato pubblicato su rugby1823.it alle 10:30 di lunedì 21 luglio 2014.