Semifinale Eccellenza, Rovigo vince di un punto e conquista la finale

Inzio di match scoppiettante con Mogliano che va in meta dopo un minuto e quaranta secondi con Onori che schiaccia in mezzo ai pali dopo una punizione giocata in velocità. Trasformazione di Fadalti per lo 0-7 parziale. Rovigo non ci sta e immediatamente risponde con una meta di De Marchi che però non viene trasformata. Nell’azione si infortuna Van Niekerk e al suo posto entra Mirco Bergamasco. All’ottavo Basson trasforma una punizione e porta i padroni di casa in vantaggio per 8 a 7. Sull’azione successiva la difesa di Rovigo si addormenta e Mogliano va di nuovo in meta con Padovani. Trasformazione del solito Fadalti per il 14 a 8 a favore dei biancoblù. Al 18esimo punizione trasformata da Basson e la distanza si riduce a soli tre punti.Al minuto 23 è ancora De Marchi ad andare in meta (con trasformazione di Basson) uscendo da una mischia avanzante di Mogliano e involandosi in meta grazie a due placcaggi mancati dai trequarti ospiti. Giusto il tempo di riprendere il gioco e Mogliano va in meta per la terza volta con Barbini. Trasformazione del solito Faldati e ospiti nuovamente in vantaggio per 18-21. A un minuto dal riposo Fadalti trasforma il calcio del 18 a 24 con cui si va negli spogliatoi.

Un primo tempo con qualche errore da ambo le parti, sopratutto in fase difensiva e in touche, ma tutto sommato una gran bella partita con due squadre che a dispetto dell’importanza del match non rinunciano a giocare e a far divertire il numeroso pubblico sugli spalti.

Alla ripresa del gioco parte bene Rovigo e da un ennesimo problema in touche di Mogliano arriva una punizione trasformata da Basson che riporta i suoi a tre lunghezze. I rossoblù stazionano nella metà campo avversaria imponendo il proprio gioco e al 51esimo arriva la meta tecnica per un placcaggio al collo di Halvorsen con conseguente ammonizione e Mogliano che rimane in 14. Trasformazione di Basson in mezzo ai pali e padroni di casa in vantaggio per 28 a 24. Quattro minuti più tardi Fadalti trasforma un bel calcio da quasi 40 metri e i Campioni d’Italia si riportano a un solo punto di distanza. Ancora 3 punti per Mogliano che dopo aver dominato una mischia in sette uomini costringe i rodigini ad un tenuto. Le due squadre iniziano a risentire del caldo, della stanchezza e forse anche della tensione e il ritmo e la disciplina iniziano a calare. Dopo un primo errore dalla piazzola qualche minuto più tardi Basson si rifà trasformando un calcio che colpisce il palo ed entra per il 31-30. Nei minuti finali i rossoblù amministrano la partita lasciando che sia Mogliano a cercare la mossa vincente che non può che essere una meta visto il risultato della prima semifinale. Ma Rovigo si difende con ordine ed è finale per la gioia del Battaglini che esplode in un urlo liberatorio.

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – domenica 25 maggio, ore 16.00
Eccellenza, semifinali ritorno
Vea-FemiCZ Rovigo v Marchiol Mogliano
Vea-FemiCZ Rovigo: Basson; Ragusi, McCann, Van Niekerk, Ngawini; Rodriguez, Frati; De Marchi, Lubian E., Ruffolo; Montauriol, Boggiani; Roan, Mahoney (cap), Quaglio
a disposizione: Manghi, Borsi, Pozzi, Maran, Folla, Bortolussi, Menon, Bergamasco Mi.
all. De Rossi/Frati
Marchiol Mogliano: Galon; Onori, Ceccato E., Bacchin, Benvenuti; Padovani, Endrizzi; Halvorsen, Swanepoel, Barbini; Lazzaroni, Bocchi; Ceglie, Costa-Repetto, Ceccato A. (cap)
a disposizione: Gianesini, Ferrari, Meggetto, Maso, Candiago E., Lucchese, Cornwell, Boni
all. Properzi
arb. Falzone (Padova)
g.d.l. Blessano (Treviso), Navarra (Udine)
quarto uomo: Brescacin (Treviso)
TMO: Damasco (Napoli)
Citing Commisioner: Carra (Modena)
andata: Marchiol Mogliano v Vea-FemiCZ Rovigo 19-22 (1-4)

L’articolo Semifinale Eccellenza, Rovigo vince di un punto e conquista la finale sembra essere il primo su On Rugby.