Rugby e politica: responsabilità oggettiva, puniti gli All Reds

Il “fattaccio”, poi la decisione salomonica del Giudice Sportivo. Quindi il ricorso dei Corsari e ora il riconoscimento della “responsabilità oggettiva” con le sanzioni tutte a carico degli All Reds, sconfitta a tavolino compresa.
Il dispositivo:

Il Giudice Sportivo,

esaminato il ricorso presentato dalla Società Rugby Corsari Asd in persona del Presidente Sig. Daniele Martelli (relativo alla gara di Campionato Serie C “All Reds Rugby Roma Asd vs Rugby Corsari Asd, che si sarebbe dovuta disputare il 23 marzo 2014, avverso la sanzione della perdita della gara con il risultato di 20-0, della penalizzazione di quattro punti in classifica, nonché della sanzione pecuniaria di €300.00 = ne dichiara l’ammissibilità.
Il Giudice Sportivo
OSSERVA
1)
Impedire ad un giocatore l’accesso al campo di gioco è un fatto assolutamente riprovevole qualunque ne sia la motivazione e, a maggior ragione, se determinata da un diverso orientamento politico. La politica, infatti, è del tutto estranea al gioco del rugby.
2)
Il comportamento tenuto dai sostenitori degli All Reds e dalle persone che gestiscono l’impianto sportivo integra la violazione dell’Art. 4 del Regolamento di Giustizia che prevede la responsabilità oggettiva dei soggetti affiliati per gli illeciti commessi dai propri sostenitori.
3)
Gli All Reds hanno violato quanto prescritto dagli artt. 7 e 13 del Regolamento Attività Sportiva secondo i quali hanno diritto di accedere al recinto di gioco i giocatori che dispuntano la gara e la squadra ospitante deve assicurare la regolare effettuazione della partita e tutelare l’incolumintà degli atleti prima, durante e dopo la gara. Inoltre, come previsto sempre dall’art. 7 gli All Reds avrebbero dovuto richiedere tempestivamente
alle Autorità di Pubblica Sicurezza adeguato servizio di ordine pubblico.
4)
Non si può non rilevare l’inusuale comportamento dell’arbitro che non ha effettuato alcun tentativo (come per esempio chiamare la Forza Pubblica) al fine di risolvere la controversia per consentire l’accesso dei Corsari Rugby al campo ed il conseguente regolare svolgimento della gara. Inoltre, stupisce l’esiguità dei dettagli descritti dallo stesso nel referto della partita visto che quest’ultima non si è potuta disputare per motivi piuttosto singolari.
5)
Dal referto dell’arbitro, non sembra che vi fossero pericoli per l’incolumità fisica dei Rugby Corsari, ma ciò non corrisponde al vero visto che questi ultimi hanno chiamato la Forza Pubblica e gli All Reds si sono dichiarati disponibili a perdere la partita a tavolino pur di evitare l’ingresso all’impianto della squadra avversaria.
6)
L’impossibilità per i Rugby Corsari di accedere all’impianto sportivo, determinata dai sostenitori della squadra ospitante, costituisce una causa di forza maggiore. Pertanto, ai sensi dell’art. 25 del Regolamento Attività Sportiva, la mancata presenza in campo non è suscettibile di sanzione.
7)
l’anomalo comportamento dell’arbitro, che non ha percepito la reale situazione di pericolo per l’ordine pubblico, è confermato dal comunicato correttamente e lealmente emesso dagli All Reds il giorno successivo, ove gli stessi hanno ribadito sussistere una evidente situazione di difficoltà per la squadra dei Rugby Corsari, a fronte della quale
hanno deciso di rinunciare alla partita dandola vinta agli avversari.
8)
In data 26/03/2014 i Rugby Corsari hanno presentato un esposto a mezzo mail asegretario@federugby.it, segreteriags@federugby.it e crlaziale@federugby.it denunciando l’accaduto e chiedendo di adottare i provvedimenti ritenuti necessari.

P.Q.M.
Il Giudice Sportivo,
visti gli artt. 4 – 28/1 lett. e) – 78 – 79 – 80 del Regolamento di Giustizia e artt. 7-13-16-24 e 25 del Regolamento Attività Sportiva:
– In parziale riforma della delibera del 26 marzo 2014, revoca le sanzioni comminate alla squadra dei Corsari Rugby Asd ed omologa la gara con il punteggio di 0-20 (0-4) a favore degli stessi, con la conseguenza rettifica della classifica del campionato;
– Conferma le sanzioni comminate alla squadra degli All Reds Rugby Roma Asd, a carico della quale viene inoltre interamente addebitato il pagamento delle spese arbitrali

L’articolo Rugby e politica: responsabilità oggettiva, puniti gli All Reds sembra essere il primo su On Rugby.