Rovigo e le altre si mettono assieme: il Polesine diventa franchigia

ph. Sebastiano Pessina

Il rugby del Polesine cerca di fare un salto di qualità: Rovigo, Monti, Amatori e Junior Badia e Villadose hanno dato vita a una vera franchigia territoriale. tutta la documentazione è stata inviata alla FIR per il riconoscimento ufficiale. Interscambialità dei giocatori e divisione precisa dei compiti sono la base di quello che potrebbe diventare in poco tempo uno dei centri propulsivi della palla ovale italiana.

L’accordo siglato dalle società vale per tre anni ed è aperto a nuove entità che fossero interessate. Il comunicato ufficiale:


Le società dilettantistiche Rugby Rovigo Delta, Monti Rugby Rovigo Junior, Amatori Badia, Junior Badia, Rugby Villadose e Junior Villadose hanno realizzato una convenzione, della durata di tre anni e rinnovabile, che le coordina in ambito tecnico-economico allo scopo di ottenere, dalla Federazione Italiana Rugby, la qualifica ufficiale di franchigia, con l’interscambiabilità dei giocatori durante i rispettivi campionati. L’accordo, firmato dai Presidenti delle società coinvolte, nasce dall’assoluta necessità di creare uno sviluppo coordinato e un sempre più saldo legame tra le realtà ovali polesane.

La Rugby Rovigo Delta ha il ruolo di guida nello sport rugbystico polesano seniores, con diritti e doveri di coordinamento sul piano tecnico da un lato, di sostegno economico, nei limiti consentiti dal bilancio, da un altro. Alla società del rugby giovanile Monti Rugby Rovigo Junior, invece, sono delegati i compiti di sviluppare il settore giovanile fino all’Under 18 compresa e di designarne il coordinamento tecnico. La Rugby Rovigo Delta e la Monti Rugby Rovigo Junior destineranno i giocatori provenienti dai settori giovanili, non inclusi immediatamente nella rosa della Rugby Rovigo Delta, alle due squadre seniores di Badia e di Villadose; sarà compito delle società riceventi completare le eventuali carenze di rosa delle rispettive squadre seniores, puntando particolarmente su giocatori giovani. Il trasferimento avrà, comunque e sempre, i caratteri permanenti del prestito.

A firma congiunta sarà a breve inviata una richiesta alla Federazione Italiana Rugby per il riconoscimento del loro come di un accordo costitutivo di una franchigia Polesana, eventualmente aperto ad altre società. La stessa domanda conterrà la richiesta di mantenere un’Accademia zonale federale, alla quale far confluire i migliori giovani, eventualmente integrati da altri provenienti da territori circostanti, destinati a rinforzare le squadre partecipanti all’accordo, sulla base alle rispettive capacità tecnico-fisiche.

L’articolo Rovigo e le altre si mettono assieme: il Polesine diventa franchigia sembra essere il primo su On Rugby.