Roma Seven, nella capitale il padrone è ancora il Sudafrica

Si è concluso ieri sera il più importante torneo di rugby a 7 d’Italia. Ecco il comunicato che ci dice come è andata

Il Sudafrica 7 si riconferma campione del Roma Seven. La squadra, già vincitrice nel 2013, ha superato in una combattuta finale la squadra elvetica ad inviti dei 7SIRS.
Allo Stadio dell’Acqua Acetosa venerdì 20 e sabato 21 è stato possibile ammirare il meglio del Rugby Seven mondiale, la disciplina che sarà il Rugby Olimpico a partire da Rio 2016. La squadra sudafricana guidata da Neil Powell, venuta a Roma in preparazione degli imminenti Commonwealth Games – quasi una olimpiade per il mondo anglosassone -schierava nelle sue fila Cecil Afrika, IRB Best Seven of the year 2011.
Fra i 7SIRS, team ad inviti, molti “ospiti” che hanno che hanno contribuito a offrire uno spettacolo di alto livello agonistico: alcuni neozelandesi fra cui Scott Palmer e gli australiani Jono Edwards e Brendan Williams. Compatti e preparati sono giunti in finale battendo 28 a 19 Italia7, la nazionale italiana guidata da Andy Vilk, che già vedeva la finale a portata di mano dopo avere battuto nei quarti agevolmente la nazionale della Georgia. Mirco Bergamasco, Oliviero Fabiani e compagni hanno poi avuto ragione della squadra francese dei Froggies, a loro volta già sconfitti in una bella semifinale dal Sud Africa 7 a 19.Il Roma Seven Bowl è rimasto nella capitale, appannaggio dei ragazzi della Unione Rugby Capitolina, vincitori sugli argentini Clandestinos.

Un Roma Seven 2014 colorato anche di rosa: Paris Sevens Ladies è la vincitrice della Roma Seven Ladies Cup dopo avere superato in finale le spagnole di Madrid 7. Buona la prestazione di Italia 7 Ladies di Cristina Tonna e Giuliana Campanella. La finale del Campionato italiano di Rugby 7 femminile, ospitato all’interno della manifestazione, è stata vinta dal Colorno.

Dopo le premiazioni il classico Roma Seven Party.

L’articolo Roma Seven, nella capitale il padrone è ancora il Sudafrica sembra essere il primo su On Rugby.