Pro 12: Treviso dorme un quarto d’ora, Glasgow ringrazia

pro12_2014_glasgow-treviso_post

Tre mete in quindici minuti. Basta poco a Glasgow per avere la meglio della Benetton Treviso. Tempo di capire di essere in campo e già gli scozzesi vanno in meta due volte, poi una terza al 14′ e per i veneti risalire la china è impossibile. Cinque punti fondamentali per la corsa playoff dei Warriors, un brutto ko per Treviso.

Parte malissimo la serata del Benetton Treviso, che nei primi cinque minuti di gioco deve subito incassare due mete. Pronti-via e Maitland è in fuga sull’out e bravo poi a passare all’interno per il mediano di mischia Pyrgos che deve solo schiacciare. Tre minuti più tardi, da un lancio in rimessa laterale rubato, Bennett trova il varco giusto per infilarsi e servire poi l’accorrente Matawalu, che rende vano il tentativo di salvataggio di Christian Loamanu e raddoppia. La reazione arriva con una bella giocata dei trequarti all’11′ che trova lo spazio giusto e porta in meta sotto i pali Alberto Sgarbi. Nemmeno il tempo di esultare, però, che subito i Warriors trovano la terza marcatura pesante e la doppietta personale di Pyrgos, dopo l’ennesima invenzione del neozelandese Maitland. Botes tiene più vicino il Benetton poco dopo con un piazzato, concesso per un placcaggio alto, ma sbaglia al 22′ l’occasione di riportare sotto break i suoi.

I Leoni insistono anche nelle fasi successive dell’incontro, portandosi all’interno dei ventidue dei padroni di casa, ma senza ottenere risultati. Tobias Botes sbaglia nuovamente al 31′ e il risultato rimane sul 19-10, con cui si conclude la prima frazione di gioco, nonostante gli assalti finali degli scozzesi. La ripresa inizia con Glasgow all’attacco alla ricerca del punto di bonus supplementare, ma dopo alcune fasi gli uomini di Townsend preferiscono la sicurezza del piede di Russell.

Cominciano i primi cambi e dopo diversi tentativi, è Maitland – sicuramente tra i più positivi del match – a varcare la linea per la quarta meta che vale i cinque punti e un passo ulteriore verso le prime quattro posizioni per i nerazzurri. Matawalu ha anche la possibilità di realizzare quasi subito la quinta, ma l’arbitro ferma tutto per un precedente passaggio in avanti. Il risultato, tuttavia, non cambierà più: vittoria per i Warriors 29-10.

GLASGOW WARRIORS – BENETTON TREVISO 29-10
Venerdì 4 aprile, ore 20.35 – Scotstoun Stadium, Glasgow
Glasgow: 15 Peter Murchie, 14 Sean Maitland, 13 Mark Bennett, 12 Finn Russell, 11 Niko Matawalu, 10 Ruaridh Jackson, 9 Henry Pyrgos, 8 Ryan Wilson. 7 Tyrone Holmes, 6 Rob Harley, 5 Al Kellock, 4 Tim Swinson, 3 Geoff Cross, 2 Pat MacArthur, 1 Gordon Reid
In panchina: 16 Kevin Bryce, 17 Jerry Yanuyanutawa, 18 Moray Low, 19 Leone Nakarawa, 20 James Eddie, 21 Peter Horne, 22 Richie Vernon, 23 Lee Jones
Treviso: 15 Luke McLean, 14 Andrea Pratichetti, 13 Christian Loamanu, 12 Alberto Sgarbi, 11 Angelo Esposito, 10 James Ambrosini, 9 Tobias Botes, 8 Robert Barbieri, 7 Paul Derbyshire, 6 Marco Fuser, 5 Valerio Bernabò, 4 Antonio Pavanello, 3 Ignacio Fernandez-Rouyet, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Matteo Muccignat
In panchina: 16 Giovanni Maistri, 17 Alberto De Marchi, 18 Lorenzo Cittadini, 19 Corniel Van Zyl, 20 Marco Filippucci, 21 Fabio Semenzato, 22 Alberto Di Bernardo, 23 Brendan Williams
Arbitro: Guiseppe Vivarini
Marcatori: 1′ m. Pyrgos, 4′ m. Matawalu tr. Russell, 11′ m. Sgarbi tr. Botes, 14′ m. Pyrgos tr. Russell, 18′ cp. Botes, 46′ cp. Russell, 53′ m. Maitland tr. Russell
Cartellini gialli: 68′ Holmes

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter e @Google+