Pro 12: Ospreys nervosi, ora chiedono pure gli arbitri neutrali

ospreys polemiche arbitri

Rischiano di restare fuori dai playoff e, così, i gallesi si attaccano pure agli assistenti dell’arbitro.

Una polemica fastidiosa, che fortunatamente il board della Pro 12 ha rispedito al mittente. Gli Ospreys, in piena corsa playoff (ma con un piede e mezzo fuori, ndr.), arriveranno domani a Parma e per il match con le Zebre hanno chiesto che gli assistenti dell’arbitro irlandese Peter Fitzgibbon non fossero italiani.

Già, gli Ospreys temono un arbitraggio casalingo e, dunque, chiedono arbitri imparziali. I gallesi hanno ricordato come le Zebre siano in corsa per un posto in Champions Cup e, dunque, gli assistenti di Fitzgibbon potrebbero prendere decisioni sbagliate. Un assunto folle, anche perché a quel punto ci si potrebbe chiedere perché gli arbitri dovrebbero favorire le Zebre rispetto alla Benetton Treviso.

In ogni caso, quel che conta è che il board della RaboDirect Pro 12 ha negato il cambio di fischietti agli Ospreys, mantenendo la tradizione che non guarda più di tanto in faccia alla nazionalità dell’arbitro, assegnando spesso arbitri e assistenti della stessa nazionalità di una delle due squadre. Senza che, fino a oggi, ci fossero polemiche. Anche perché, casomai, in Pro 12 il problema è la qualità degli arbitri (in alcuni casi imbarazzanti), non certo la nazionalità.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+ e Pinterest