Partita decisiva per la Fulgida Etruschi Livorno

Il sogno di proseguire il cammino nei play-off promozione dipende tutto quanto da questa ultima partita di regular season. Se la Fulgida Etruschi Livorno conferma gli alti livelli di gioco espressi nelle ultime tre vittoriose gare, ha i mezzi per raccogliere il massimo (successo e bonus) in casa con il Massa e guadagnare il biglietto di sola andata per gli spareggi (il regolamento prevede, prima della fase interregionale, il barrage con una delle prime tre della C1 toscana). Se, viceversa, contro il Massa arrivasse ‘solo’ un’affermazione senza bonus, le speranze sarebbero legate ad un ‘suicidio sportivo’ del Cus Pisa (che non dovrebbe raccogliere punti in casa nel derby con il Bellaria Pontedera: difficile che accada). La Fulgida è l’unica realtà dei due gironi toscani della C2 in regola con il settore giovanile e dunque l’unica (ammesso che riesca a chiudere la regular season su una delle prime tre posizioni di classifica) a poter ambire alla post-season, al via il 4 maggio. Questa domenica (calcio d’inizio alle 15,30), per la ‘sfida dell’anno’ con il Massa, prevedibile anche il pubblico delle grandi occasioni (ingresso gratuito sugli spalti del ‘Tamberi’ di via Russo). L’aver creato il proprio quartier generale sul terreno di gioco di via Russo, in una zona della città che per il resto può vantare pochi impianti sportivi ha aiutato il club verdeamaranto a creare una propria precisa identità. Il pubblico ha sempre risposto presente, ma ora può essere utile anche una maggior spinta da parte degli appassionati. Prima di pensare al classico ‘terzo tempo’, prima di pensare a festeggiare la Pasqua e prima di programmare l’eventuale barrage con una compagine di C1 (o Cus Siena o Florentia o Lions Livorno o Firenze’31 cadetto), si deve pensare al match con il Massa, squadra con un discreto pacchetto di mischia. Gli apuani, che hanno disputato un discreto campionato, occupano la sesta piazza con 39 punti all’attivo; considerati gli 8 punti di penalizzazione inflitti per il mancato allestimento, nella scorsa annata, di un vivaio completo, hanno, sul campo, in 17 giornate racimolato 48 punti. Gara alla portata dei labronici, ma il pronostico non è chiuso a tripla mandata. Oltre ad una dose massiccia di grinta (quella non è mai mancata, anche nei periodi più bui de torneo..), serviranno smalto e lucidità. Ultima partita in carriera per il 42enne pilone Luca Buscarino (‘storico giocatore Etruschi), che inizierà dalla panchina, per disputare solo l’ultimo spezzone di gara.