Paese vs Mogliano, scoppia il caso Kudin?

Nemmeno il tempo di ufficializzare la notizia del suo ingaggio da parte del Marchio Mogliano e il trasferimento di Amar Kudin diventa un caso. Il cartellino del tallonatore di origini croate, nelle ultime due stagioni in forza al San Donà, è infatti del Rugby Paese che con una nota alla stampa locale, ripresa oggi da La Tribuna di Treviso e da Il Gazzettino, avrebbe congelato il trasferimento.

“Ci chiediamo – fanno sapere da Paese nella nota riportata dal quotidiano – con chi siano state concluse queste trattative. Kudin è un giocatore del Rugby Paese e noi non abbiamo concluso nessuna trattativa con il Mogliano. Circa un mese fa il nostro direttore sportivo ha avuto un contatto telefonico per un parere sulla possibilità del passaggio di Kudin al Mogliano e poi niente altro. Oltre a concludere un accordo con il giocatore e il suo procuratore è la società di appartenenza che deve rilasciare il nulla osta».

Raggiunto al telefono da La Tribuna il presidente dei canguri Paolo Pavin ha poi aggiunto: “Sono contento che vada al Mogliano, ma prima bisogna firmare il trasferimento. La società deve parlare con me, è mancata la correttezza».

A rispondere a mezzo stampa è stato quindi lo storico ds Luca Mazzanti:Lo sappiamo, troveremo un accordo consensuale».