Nuovo preparatore atletico per Mirano

È stato affidato ad Alessandro Cimarosti, titolare della palestra New Body Center di Zianigo, l’incarico di preparatore fisico del Mirano Rugby per la stagione sportiva 2014/2015. Alessandro, classe 1975, è lo specialista nel potenziamento muscolare e personal trainer con numerose specializzazioni nel campo del fitness che va ad accrescere ulteriormente il livello del rinnovato Staff Tecnico bianconero, con il compito di costruire e monitorare lo sviluppo muscolare dei giocatori del Rugby Mirano.

L’accordo, nato dall’intuizione di Katia Manente, prevede che tra i delicati compiti di Cimarosti ci sia non solo la preparazione dei giocatori della Prima Squadra miranese ma soprattutto quello di seguire la fortissima Under 18 che, reduce di un campionato di tutto rispetto, può vantare la presenza nella propria rosa di Giacomo Doria, appena convocato con la nazionale U18 per affrontare il tour estivo in Argentina.

L’ingresso nel team bianconero di un professionista come Alessandro Cimarosti è un segnale importante per il Rugby Mirano, che oltre ad usufruire delle sue competenze, nel periodo estivo potrà approfittare anche dell’ospitalità presso la palestra New Body Center di Zianigo, situazione che consentirà ai giocatori di crescere ottimizzando i tempi ed usufruendo di macchinari ed attrezzi di alta qualità.

A partire da settembre, invece, l’attività di Alessio (e conseguentemente la collaborazione con Mirano Rugby) si avvicinerà alla sede bianconera visto che la New Body Center cesserà il suo cammino per dar vita ad una struttura ad altissima innovazione che si troverà in via Taglio a Mirano: si chiamerà “EVOLUTION” e sarà una palestra con macchine e attrezzi futuristici che proprio i rugbisti del Mirano potranno sperimentare in anteprima assoluta.

Per l’inaugurazione si prospetta già la presenza della Prima Squadra del Mirano Rugby, oltre ad alcuni giocatori internazionali a sorpresa. Questa forma di collaborazione con una struttura locale di alta qualità è una ulteriore espressione dell’apprezzamento che Mirano stessa nutre verso una realtà rugbystica in continua crescita.