#NprOntheRoad: scatta l’operazione Sicilia

sicilia

Prende il via la seconda parte del tour #NprOntheRoad. Dopo un paio di settimane passate a casa con le famiglie riprendiamo a viaggiare e, fortunatamente (lo dico perché abbiamo cercato di strozzarci più e più volte nel precedente viaggio di redazione), in questo tour verso la bellissima Sicilia ci accompagnerà anche Enrico Turello, membro storico di Npr e vero e proprio “regista” della nostra piccola redazione. Come detto la nostra meta sarà la Sicilia, nella quale continueremo a girare foto e filmati per il documentario sul rugby di base che abbiamo deciso di produrre e, allo stesso tempo, accompagneremo ogni tappa con una trasmissione radiofonica. Per questo ci siamo evoluti, acquisendo materiale radiofonico di prim’ordine: dai microfoni nuovi, ad un mixer molto serio, fino ad una scelta musicale oculata e precisa che io stesso ho provveduto a fare nel corso delle mie nottate insonni. Inoltre, per questo tour, abbiamo creato una sinergia con l’associazione friulana FFF (Femines Furlanes Fuartes) una realtà che si occupa di diffondere le eccellenze enogastronomiche (e non solo) del Friuli Venezia Giulia in tutto il mondo; così arriveremo in Sicilia disinvolti a creare sinergie con la nostra regione (grazie a Margherita Plos, presidentessa delle FFF per la sua disponibilità e per il tempo che ci ha dedicato). Ma entriamo nello specifico, dove saremo in questi giorni siciliani? Ecco, precisamente non lo so, perché tutto il “progetto date” è stato seguito da Valerio, ma dagli ultimi messaggi provo a fare una sorta di calendario:

23/24 giugno – Taormina;
25 giugno – Messina;
26 giugno – Ragusa, dagli amici del Padua;
27 giugno – Ragusa, dagli amici dell’Audax Clan;
28 giugno – Cus Catania.

Questo in linea di massima l’itinerario, aspettando le ultime conferme. Ma, oltre alla radio, cosa faremo in Sicilia? Proveremo, attraverso articoli, gallerie fotografiche e post, a fare una fotografia del movimento ovale siciliano attuale; inoltre raccoglieremo interviste (in video) tanto per il documentario, quanto per una raccolta che a fine dei giochi provvederemo a pubblicare sui nostri canali. Che dire, a risentirci dalla Sicilia.

La foto allegata all’articolo non centra molto con il rugby, ma mi piaceva. Inoltre mi volevo compiacere dei paesaggi che incontrerò da domenica (il duro lavoro dei giornalisti – in certi momenti ci va proprio bene).

@davidemacor