Missione compiuta per l’U16 del Cus AD Maiora, batte la Bassa Bresciana e conquista l’accesso all’Elite

unnamed (2)

La stagione è appena all’inizio e il CUS Ad Maiora Rugby 1951 raggiunge subito il primo obiettivo. Dopo aver eliminato la scorsa domenica il Cernusco, l’Under 16 supera nettamente anche la Bassa Bresciana (29-8) e si guadagna il pass per l’Elite. Nessun problema per i ragazzi allenati da Dragos Bavinschi e Sebastiano Lo Greco, che chiudono la pratica con autorità già nel primo tempo.
Vanno in campo Bartoletti estremo, Massano (31′ st Cusolito) e Denunzio ali, Bussolino e Gallo (10′ st Bernardinello) centri, Mastrodonato (29′ st Bellazzo) apertura, Sigot (31′ st Dolza) mediano di apertura, Brum Dutra, Ghezzo e Pavone terze linee, Gurlan (16′ st Fusca) e Grimaldi seconde linee, Eschoyez e Stecco piloni e Ilucas tallonatore. In panchina Lozzi e Drago. Sull’altro fronte coach Matteo Abeni schiera Chioda estremo, Ragni e Franzoni alle ali, Nicola Zanetti e Rossetti ai centri, Marco Zanetti e Arrighi (1′ st Ferrito) in mediana, Gibertoni, Vitali e Mor (24′ st D’Oronzo) in terza linea, Zucchelli e Voltolini (6′ st Margini) in seconda e Davo, Alessandrini (16′ st Cirimbelli) e Trapletti in prima. A disposizione Rubagotti. Arbitra Riccardo Chiarle di Villanova d’Asti.
La Bassa Bresciana ha un inizio più convinto e al 2′ ha una punizione a suo favore da sfruttare da posizione centrale, anche se da distanza impegnativa. La palla calciata da Marco Zanetti colpisce il palo ed entra, dando il vantaggio agli ospiti (0-3). È un fuoco di paglia, perché i cussini dimostrano ben presto di essere padroni della situazione. Al 5′ Denunzio intercetta l’ovale nella sua metà campo e corre verso la zona di meta, dove si accentra prima di schiacciare. Mastrodonato trasforma facilmente (7-3). Già all’8′ i biancoblù vanno in fuga. Gallo macina terreno fino alla linea dei 22 avversari e viene fermato da Nicola Zanetti. Tutto inutile, dal momento che Brum Dutra, che ha seguito mirabilmente l’azione del compagno, subentra e corre a realizzare (12-3). Il terza linea porta lo scompiglio nella retroguardia lombarda anche al 19′ e la palla arriva a Mastrodonato, bravo a trovare un buco, che gli consente di filare in meta in mezzo ai pali e di calciare un comodo addizionale (19-3).
I biancorossi provano a risalire la china, ma gli errori in fase di controllo vanificano le buone intenzioni. I locali, invece, fanno quello che vogliono e al 22′ incrementano il bottino. Ghezzo e Sigot duettano in scioltezza e il secondo salta Ragni e Marco Zanetti. Quando viene fermato Brum Dutra è abile a rialimentare la spinta e a finire in meta (24-3). Proprio allo scadere del primo tempo Gallo calcia avanti e si lancia alla rincorsa del pallone. La difesa chiude su di lui, ma non riesce a evitare l’incursione di Denunzio, che fissa il parziale a metà gara sul 29-3. I giochi sono sostanzialmente fatti e nella ripresa i biancoblù si limitato a un atteggiamento di attesa. Più intraprendenti sono i bresciani, sospinti dalla necessità di rimontare. L’Ad Maiora si complica la vita, rimanendo in 13 per le ammonizioni comminate a Mastrodonato al 19′ e a Stecco al 21′. Lo stesso destino tocca a Denunzio al 29′. Un minuto dopo Rossetti mette a segno l’unica meta(29-8) degli ospiti, che al 34′ restano in 14, per il cartellino giallo sventolato all’indirizzo di Zanetti.
Al fischio conclusivo il CUS festeggia un fantastico traguardo: per il sesto anno consecutivo parteciperà all’Elite, la serie A di categoria. La seconda squadra, invece, sarà al via nel campionato regionale. I primi impegni saranno già nel prossimo fine settimana. Soddisfatti i tecnici Lo Greco e Bavinschi. “I ragazzi – spiega Lo Greco – hanno disputato un ottimo primo tempo, durante il quale hanno pressato bene in difesa, placcando tutto, e hanno attaccato molto. Fisicamente si vedeva che erano più tonici degli avversari e correvano di più, grazie al lavoro che abbiamo fatto a partire da agosto. La partita non è mai stata in bilico».
Per Bavinschi “tutti hanno tirato fuori il carattere e sono riusciti a giocare di squadra, mentre a Cantalupa contro il Cernusco aveva prevalso l’individualismo. Nel secondo tempo, purtroppo, è venuta a mancare un po’ di lucidità e siamo stati molto indisciplinati». Ci sarà da lavorare parecchio sulle touche. “Lo stiamo già facendo – affermano all’unisono i due allenatori – e dovremo dedicare attenzione un po’ a tutte le fasi statiche, a livello di gruppo e individuale». Anche in Under 18 il CUS schiererà due compagini, in Elite e nel torneo regionale. Ieri nell’amichevole in trasferta contro l’Asti, sotto la guida di Vitale Gattuso, ci sono stati grande agonismo ed equilibrio sovrano. I torinesi hanno prevalso per 14-12, in virtù delle mete di Gattiglio e Novello e delle due trasformazioni di Cremonini.