Lo “State of Origin” italiano lo conquistano i Leoni Veneti

timthumb.php

I “Leoni” si impongono sul finire del match, quando i Longobardi allentano l’attenzione difensiva. 34 – 28 il finale

Lo “State of Origin” in versione italiana è ancora dei Leoni Veneti: per il secondo anno consecutivo, infatti, sono i ragazzi dell’est d’Italia a portarsi a casa l’ambito titolo di Rugby League; 34 – 28 il risultato finale e Longobardi ancora battuti. La partita si gioca su ritmi molto alti e, per buona parte del match, sono i Longobardi a tenere le redini del gioco. Sul finale di partita, tuttavia, un calo di tensione longobardo permette ai Leoni di andare a segno ripetutamente, ben tre le mete negli ultimi 8 minuti, e chiudere la sfida. Molto positive le prestazioni di Dalla Ragione, Del Nevo e Ceretti per i Longobardi, mentre per i Leoni quelle di Celerino, Boscolo e Idammou.

Leoni Veneti 34
Longobardi 28

LEONI VENETI: BROGIATO, PASSERA IDAMMOU, MAGRI GIACOMO, PEENS, SAVIO, BARUFFI, BOSCOLO, AMURA, MILANI, AMEGLIO, CELERINO, JACOTTI, D’ELIA, OLIVA, CARAVANO.

LONGOBARDI, NEMA, MECCUGNI, NICOLAE, SCANDURRA, BATTAGLIA P., CERETTI, PISCITELLI, DEL NEVO, MUZZIN, PALUELLO, PAGANI, PALAZZETTI, DALLA RAGIONE, BATTAGLIA S. ILINCA, GIANNONE, GAZZOLI, BORSETTO.

MARCATORI:
Leoni Veneti: mete 6 (Idammou, Boscolo 2, Jacotti, Peens); trasformazioni 5 (Peens 5)
Longobardi: mete 6 (Nema, Gazzoli, Dalla Ragione, Piscitelli, Ilinca, Meccugni); trasformazioni 2 (ceretti 2)