Le Fenici non mollano a Cremona

A più di un mese dal concentramento di Milano, la coppa Italia di rugby femminile ricomincia per le Fenici del CUS Pavia a Cremona. Le consegne dei coach Donatiello e Tronconi sono poche: evitare i punti di contatto il più possibile pe r non soffrire troppo la fisicità delle avversarie ed aprire il pallone a largo e riciclarlo.

Il Livigno è la prima squadra avversaria della giornata; la partita è giocata principalmente nella metà campo avversaria, con le Fenici che riescono a muovere il pallone con agilità chiudendo il primo tempo con un vantaggio consolidato di 3 a 0. Una piccola svista difensiva nel secondo tempo però, fa in modo che le ragazze del Livigno riescano a segnare la loro prima meta nella partita, meta che però non ribalta il risultato, che viene definitivamente chiuso sul 5-1.

La seconda partita è la prova più dura della giornata per le Fenici, il Valtellina infatti ha un gioco totalmente opposto a quello del Pavia. Le avversarie sono fisiche, giocano sullo stretto e fanno de lla contro-ruck uno dei loro punti di forza; per i mediani di mischia è quindi difficilissimo far uscire dei palloni puliti, come è difficile per le aperture concludere delle buone giocate al largo. È una partita sofferta, dove i palloni sporchi la fanno da padrone; troppi gli errori delle Fenici nel non reagire a sufficienza per contrastare la fisicità delle avversarie che si impongono per 3-0.

Il Cremona è l’ultima avversaria della giornata, il gioco del Cremona è sicuramente più pulito di quello del Valtellina, e le Fenici riescono a dare qualcosa in più . Una meta segue l’altra e le ragazze del Cremona stanno con il fiato sul collo delle Fenici. Nelle battute finali la partita è sul 3-3, con le Fenici con una mischia a loro favore a due metri dalla linea avversaria, la prima linea spinge dando il 110% ed il pallone esce pulito per il mediano di mischia, che apre subito all’apertura; le avversarie cercano di contrastare l’avanzata del CUS Pavia ma un buonissimo riciclo del pallone consegna la vittoria sul campo per 4-3. Le trasformazioni confermano la vittoria delle Fenici.

La prestazione delle ragazze del Cus Pavia a Cremona ha evidenziato un netto miglioramento rispetto al precedente; nonostante infatti i coach abbiano continuato a cambiare le giocatrici i n campo, tutte hanno dato il massimo, che siano state in campo da 7, 10 minuti o solo da 30 secondi, non perdendo mai la concentrazione e l’obbiettivo di portare a casa la vittoria. Premiata come migliore della giornata Divà Beltramin.