Lazio: a De Gregori il ruolo di giocatore e allenatore della mischia. E intanto Baeck saluta e torna in Argentina

La Lazio sistema mischia e panchina in un colpo solo ingaggiando il pilone De Gregori, che a Roma avrà anche il compito di allenare il pack biancoceleste. La società ha infatti diramato un comunicato stampa, confermando inoltre De Angelis e Mazzi alla guida della squadra, oltre ai due stranieri Nathan e Gerber. Salutano Civetta (Viadana) e Baeck, che torna in Argentina. Ecco la nota del club. “La Lazio Rugby 1927 comunica che è stato raggiunto l’accordo con Nicolas Patricio De Gregori, pilone sinistro/destro proveniente da I Cavalieri Rugby Prato, che dalla prossima stagione guiderà il pack biancoceleste nella doppia veste di tecnico e giocatore. Argentino, classe 1980, 182cm per 110kg: De Gregori approda in Italia nel 2006 vestendo la maglia dell’Unione Rugby Capitolina. Nella stagione successiva viene ingaggiato dal Benetton Treviso. Dalla stagione 2011/2012, dopo due anni alla Rugby Roma Olimpic, De Gregori veste la maglia de I Cavalieri Prato, club in cui milita fino alla passata stagione, accumulando presenze ed esperienza nel massimo campionato Italiano ed in Amlin Challange Cup. Dopo l’ingaggio di Victor Jimenez alle Zebre, la Lazio Rugby 1927 ha voluto confermare il proprio intento di stimolare la crescita del proprio vivaio, affidando il ruolo di tecnico della mischia ad un atleta di comprovata esperienza nazionale ed internazionale. De Gregori affiancherà l’head coach Alfredo De Angelis e l’assistant coach Giampiero Mazzi, entrambi riconfermati per la stagione 2014/2015 e si unirà al gruppo nei prossimi giorni per preparare la nuova stagione, mentre Delio Coppeto in qualità di skills coach e Marco Paiella di Fitness Trainer completeranno lo staff tecnico. La Lazio Rugby 1927 comunica, inoltre, la riconferma per la stagione 2014/2015 di due degli atleti stranieri della rosa: Troy Nathan e Durandt Gerber, augurando buona fortuna a Tomas Baeck, seconda linea che farà ritorno in Argentina per motivi personali”.