L’Arechi fa 16 su 16

Dopo una stagione che ha visto l’Arechi Rugby indiscussa protagonista del campionato di serie C, girone campano-calabro, mancava soltanto la ciliegina sulla torta: la sedicesima vittoria su altrettanti incontri di campionato, per una stagione perfetta sotto il segno del Dragone.

Al campo “Macrì” di Cosenza, struttura davvero incantevole per un incontro di rugby, si sono affrontate due squadre che, anche a giochi conclusi, volevano a tutti i costi la vittoria: da un lato lo spirito del rugby, che porta ogni singolo giocatore ad entrare in campo con la voglia di vincere sempre e comunque; da un altro lato il Rende Rugby che, pur terzo in classifica, avrebbe tanto voluto vincere contro la prima in classifica ed ancora imbattuta compagine salernitana; infine l’Arechi Rugby, che puntava alla perfect season contro un’avversaria di tutto rispetto.

Il risultato finale, di7 a22, è frutto di un gioco collettivo che non ha mai messo in discussione l’incontro, neanche dopo l’espulsione definitiva di Veneruso, entrato all’ottavo minuto della ripresa ed espulso al decimo per un placcaggio pericoloso, che avrebbe potuto compromettere l’andamento del match: Finamore e compagni, anche in inferiorità numerica, hanno attaccato e creato gioco, lasciando anche spazio alle manovre offensive dei cosentini che, però, hanno sempre trovato la porta chiusa grazie ad un’ottima difesa dei Dragoni.

L’incontro è stato anche teatro dell’ultima presenza nel rugby agonistico della seconda linea Iriquin, che per limiti di età non potrà più giocare con l’Arechi Rugby seniores: per lui targa celebrativa consegnata prima dell’inizio del match, tra gli applausi del pubblico e dei giocatori in campo di entrambe le formazioni.

Al termine dell’incontro, con la sedicesima vittoria in cassaforte, e con la perfect season da festeggiare, il presidente dell’Arechi Rugby, Roberto Manzo, ha voluto evidenziare il percorso effettuato finora dalla società intera: “E’ davvero incredibile il risultato conseguito dalla nostra società in soli due anni di attività. Siamo nati da 0, con l’umiltà che contraddistingue gli uomini di rugby e abbiamo portato avanti un progetto importante, non senza difficoltà, per far crescere il rugby a Salerno sia quantitativamente sia qualitativamente. Dopo un solo anno di attività abbiamo potuto contare su un settore giovanile composto da atleti che variano dall’under 6 all’under 18, su un’under 16 femminile, e su un gruppo di atleti seniores che, con il trascorrere dei mesi, si è rinforzato sempre di più”.

“La società – prosegue il presidente Manzo – si basa sulla volontà di rendere il rugby ancor più popolare a Salerno, e il modo migliore per farlo è promuoverlo. Quale miglior promozione, dunque, se non la vittoria di un campionato senza alcuna sconfitta? Una stagione perfetta che si sta avviando al termine anche con i nostri settori giovanili, impegnati ancora nei rispettivi campionati di under 14 maschile e di Coppa Italia Seven della femminile under 16, ma che per noi rappresenta un altro inizio per poter confermare che siamo la squadra più forte, importante ed interessante della città e della provincia di Salerno”.

Grande soddisfazione proviene anche dal settore under 14: i ragazzi allenati dal duo Pierri – Falivene hanno infatti ottenuto, tra le mura amiche del “Vestuti”, la loro prima vittoria contro i pari età dell’Afragola Rugby, con il risultato finale di22 a15. L’allenatore dei piccoli Dragoni, Andrea Pierri, ha voluto elogiare i propri ragazzi per la prestazione: “Sapevamo che la vittoria sarebbe arrivata. Il gruppo si sta compattando sempre di più, ed i ragazzi stanno seguendo in modo assiduo gli allenamenti. La vittoria è meritata anche e soprattutto per la passione che ogni singolo giocatore sta mostrando di avere nei confronti di questo sport, pur praticandolo da qualche mese, ma adesso viene la parte più importante: lavorare ancor di più e con maggiore determinazione, per agguantare anche altre vittorie nei concentramenti previsti fino a giugno”.

L’articolo L’Arechi fa 16 su 16 sembra essere il primo su On Rugby.