ITALSEVEN NEL WEEK-END AL TORNEO DI MANCHESTER, DIRETTA STREAMING SU RUGBYEUROPE.EU

IMG 20140620 101228

Calvisano (Brescia) – La Nazionale Italiana 7s è pronta per la partenza per Manchester, dove disputerà la terza tappa dell’European Men’s 7s Championship – l’ex circuito Grand Prix FIRA – .

L’Italseven avrà a disposizione ancora la giornata di domani per prepararsi al meglio, al “San Michele” di Calvisano, in vista del torneo, giornata al termine del quale lo staff tecnico ufficializzerà la rosa di dodici convocati che l’indomani voleranno a Manchester e gli otto che faranno rientro ai rispettivi Club di appartenenza.

Clicca qui per la diretta streaming del torneo di Manchester – > http://www.rugbyeurope.eu/

Per Andy Vilk, che dopo aver fatto parte dello staff tecnico di Italseven nella passata stagione come coordinatore esterno è divenuto ufficialmente, quest’anno, il capo allenatore della Nazionale Italiana a sette, l’attenzione è rivolta tanto al torneo di Manchester che a lungo termine: “Per quanto riguarda il torneo di Manchester sappiamo che non sarà un compito facile, ai nastri di partenza ci sono squadre molto competitive e ben organizzate. Sicuramente vogliamo piazzarci tra le prime otto, decisivo sarà il secondo giorno e l’accoppiamento dei quarti di finale. Questo è il nostro obiettivo minimo” spiega l’ex capitano della Nazionale inglese di specialità.

“La mia squadra sta lavorando e lavorerà duramente per continuare a migliorarsi – prosegue l’ex trequarti di Treviso e Calvisano – compatibilmente con la relativa brevità dei periodi di raduno. L’obiettivo è di trovare più momenti di ritrovo nel corso dell’anno per creare un solido gruppo di una decina di elementi fondamentali che dovranno essere il vero motore della squadra, trascinando i nuovi elementi e contribuendo al loro inserimento nelle nostre strutture di gioco”

A Manchester nel week-end si gioca la penultima tappa del circuito europeo e l’Italia è reduce da due piazzamenti a metà classifica nei due appuntamenti precedenti: con il debutto olimpico del rugby a sette fissato per i Giochi di Rio del 2016, la strada per gli Azzurri sembra in salita, ma Vilk non vuole gettare la spugna in anticipo: “Le Olimpiadi sono un’opportunità enorme per dare visibilità a questa magnifica disciplina nel mondo e in Italia dove il gioco a XV attira maggiormente l’attenzione. Per quanto riguarda la mia squadra, sappiamo che il percorso per la qualificazione è lungo e accidentato. Dovremo lavorare molto, ci scontreremo con squadre preparate e forse di livello maggiore rispetto a noi, ma il bello di questo sport è anche quello che se si è nella giornata giusta, con la mentalità giusta si può battere qualsiasi avversario”.