Il Vasari Rugby progetta un futuro di successi

unnamed

Il Vasari Rugby è già al lavoro per il futuro. La più importante società rugbystica della provincia di Arezzo ha recentemente vissuto un importante cambio dirigenziale con l’elezione di un nuovo presidente, Francesco Santini, e di un nuovo consiglio che proprio in questi giorni stanno delineando i quadri tecnici della prossima stagione. La priorità da cui ripartire sarà il rafforzamento della prima squadra di serie B che, archiviata una nuova salvezza, sta predisponendo una rosa competitiva per confermarsi in uno dei campionati più belli e impegnativi del rugby italiano. L’ultima stagione ha infatti ribadito il valore di una squadra giovane e compatta che, dopo un avvio difficile a causa di una rosa ristretta e di tanti infortuni, nella seconda parte di campionato si è dimostrata in grado di vincere e di tenere testa ad alcune delle più prestigiose società italiane come Noceto, Parma e Piacenza. “Vogliamo consolidare la nostra permanenza in serie B – avvia il presidente Santini. – Da oltre 10 anni militiamo in questa categoria, dunque dobbiamo pensare a raggiungere quella stabilità che ci permetta di disputare una stagione tranquilla e di iniziare a progettare il futuro. In questo senso rinforzeremo la squadra aumentando il numero dei giocatori ma manterremmo i piedi per terra muovendo un passo alla volta ed evitando inutili proclami». Le speranze di un futuro di successi arrivano dal settore giovanile, con il Vasari Rugby che si è dimostrato competitivo in tutte le categorie e che si è confermato una fucina di giovani talenti. La vera impresa stagionale porta la firma dell’Under 16 Elite che ha vinto la Coppa dell’Appennino e che ha poi concluso il campionato italiano al terzo posto tra oltre 400 squadre di tutta la penisola perdendo solo in semifinale contro i futuri campioni dell’Unione Rugby Capitolina. Negli altri campionati hanno ben figurato l’Under 18 e l’Under 16, mentre tutte le formazioni dall’Under 6 all’Under 12 hanno maturato preziose esperienze in vari tornei e concentramenti a cui hanno preso parte. A livello di singoli giocatori, Jacopo Bianchi e Alessandro Cocchi sono due ragazzi cresciuti nel Vasari che nel corso dell’anno sono entrati nell’orbita delle varie nazionali giovanili, mentre tante altre promesse hanno attratto l’interesse dell’accademia federale di Prato. “La nostra è una delle realtà della provincia che aggrega più bambini e ragazzi – chiude Santini, – dunque vogliamo confermarci e rinforzarci ulteriormente garantendo tecnici preparati e qualificati in ogni categoria per seguire con attenzione ognuno dei nostri atleti e per trarre il meglio da tutti loro. Con l’obiettivo, in prospettiva, di inserirli in prima squadra o, meglio, di prospettargli un grande futuro nel rugby».