Il Pro Recco passa al Lodigiani: 17 a 45

Malgrado il 17 a 45 finale, tanto carattere e voglia di far bene per i gigliati nella 19a e quartultima giornata di Serie A1. Contro un Pro Recco obiettivamente molto solido, soprattutto in mischia, il XV di Sordini e Cagna ha avuto il merito di non cedere nel morale continuando a spingere in un crescendo che li ha visti tenere il passo con i liguri dopo aver passato i primi micidiali 30′. C’è voluto infatti quasi un tempo, nel quale si è sommato un passivo di 19 punti, prima di aver metabolizzato le difficoltà in mischia chiusa ed essere riusciti mettere a frutto, con la prima meta di Bastiani, i numerosi tentativi di attacco mancati in precedenza anche per banali errori di passaggio. A seguire, alti e bassi con continui cambi di fronte, ma quella che può essere considerato positivo nel bilancio del match sono le tante iniziative individuali (vedi Ghini, Bastiani, Semoli, Mené, Chiostrini e lo stesso giovanissimo Dragoni) non fini a se stesse ma messe a disposizione della continuità del gioco con risultati sempre migliori verso il finale di gara.

Scambio di calci iniziale con predomino territoriale del Recco che si porta a ridosso della meta biancorossa e su ostruzionismo nell’avanzamento al 5′ si aggiudica la meta di punizione che Agniel trasforma (0-7). Al 13′ il Recco raddoppia con Gonzalez che finalizza una giocata al largo dei liguri sugli sviluppi di una mischia ordinata sui 22 fiorentini. Dopo che l’estremo Beretta è costretto a lasciare il campo (al suo posto entra Semoli) per le conseguenze di un duro placcaggio di Becerra i fiorentini si fanno sentire in attacco. Bella iniziativa in contrattacco di Bastiani interrotta per un “in avanti” dei gigliati. Entra Chiostrini a dar man forte in un pack biancorosso che soffre la spinta avversaria. Dopo pochi minuti Recco di nuovo in meta su un’iniziativa del mediano di mischia D’Agostini che ripartendo da una mischia sul lato chiuso in solitario dribbla la difesa gigliata e va in bandierina. Si arriva così alla prima meta gigliata di marca dell’ala Bastiani che al 33′ conquista una punizione nei 22 avversari subendo un’ostruzione su “up and under” e poi sugli sviluppi successivi va in meta battendo veloce un calcio di punizione sui 5 metri avversari. Meta trasormata da Mené per il 7 a 19. Dopo l’ingresso in campo di due giovanissimi per il Firenze, Savia e Bottacci, rimane il tempo per la seconda meta tecnica per i recchesi su avanzamento in mischia ordinata che costa anche il giallo a Chiostrini. 7 a 26 dopo la trasformazione di Agniel.

Riprende l’incontro con i ragazzi di Sordini e Cagna in inferiorità numerica e di nuovo in avanti gli ospiti che dopo un primo tentativo di poco mancato trovano la via della meta di nuovo con Gonzalez al 5′ che realizza dopo che il Recco è riuscito a a sbostare bene la palla per linee orizzontali (7-31). Dopo un bel breack di Ghini che trova un buon cambio d’angolo nella difesa ospite è il Recco che mette in difficolt