Il CUS Ad Maiora espugna Sesto Fiorentino (20-15) e continua a sognare i playoff

Il CUS Ad Maiora Rugby 1951 non tradisce. Batte in trasferta il Prato Sesto per 20-15 e mantiene acceso il sogno playoff. Con i quattro punti conquistati in Toscana i ragazzi di coach Regan Sue tornano secondi a quota 59, con una lunghezza di margine sul Valsugana (8-11 a Badia) e sul Vicenza, che ottiene il bonus sull’Alghero (32-17). Domenica prossima i cussini cercheranno il pass per gli spareggi promozione affrontando al centro sportivo Angelo Albonico il Badia, che è matematicamente in A1.
A Sesto Fiorentino il CUS va in campo con Monfrino estremo, Civita e Murgia (6′ st Tinebra) ali, Bestetti e Perju (5′ st Martinucci) centri, Thomsen apertura, Carlalberto Lo Greco (19′ st Jaluf) mediano di mischia, Ursache, Spaliviero e Amadio terze linee, Malvagna (14′ st Sebastiano Lo Greco) e Merlino seconde linee, Iacob (28′ st Nicita) e Modonutto (28′ st Montaldo) piloni e Lo Faro (26′ st Martina) tallonatore. A disposizione Marchisio. I locali replicano con Turchi estremo, Manetti e Randelli ali, Alessandro Nannini e Natali centri, Wakarua e Tommaso Noviro mediani, Ciolli, Martelli e Campisi in terza linea, Monticelli e Calamai in seconda, Araoz e Fabio Nannini piloni e Russo (25′ st Sanesi) a tallonare. In panchina Palmiotto, Malpezzi, Bellini, Girasole, Lorenzo Noviro, Di Gaetano, Rabassi.
Su un campo non facile, in terra battuta con parecchi dossi, gli universitari partono all’attacco e fanno subito male. Al 6′ Ursache trova un varco sulla sinistra, viene fermato a dalla ruck la palla esce per Lo Greco che serve Thomsen. L’ovale passa attraverso Bestetti e Perju e raggiunge e Monfrino, che vola in meta (0-5). Thomsen che aveva mancato la trasformazione si ripaga al 12′ con un piazzato, che colpisce il palo ed entra (0-8). Trascorrono 2′ e c’è un calcio anche per Wakarua, che, naturalmente, non sbaglia (3-8). Il tourbillon al piede continua e la chance ripassa al cussino, che inquadra i pali (3-11). I padroni di casa avanzano e conquistano una touche nei 22 metri subalpini. Poi Wakarua trova lo spazio per un drop e riaccorcia le distanze (5-11). L’ex azzurro può riportare sotto i suoi dalla piazzola, ma questa volta manca il bersaglio. Impossibile per lui sbagliare la successiva opportunità da posizione centrale concessagli dai biancoblù (9-11). Molti i falli e contro uno specialista si pagano. Ed è così che il Prato Sesto, grazie all’ennesima occasione sul piede del suo mediano di apertura, si porta per la prima volta in vantaggio (12-11). L’Ad Maiora torna a premere e conquista una punizione, che Thomsen traduce in punti (12-14). Il primo tempo va in archivio così e il match è aperto a qualsiasi risultato. Nella ripresa Martinucci non fa in tempo a entrare che lascia i compagni in inferiorità numerica, per un cartellino giallo. Il CUS non arretra e Thomsen da posizione tutt’altro che agevole porta gli ospiti sul +5 (12-17). Sono sempre i biancoblù a fare la partita e a dominare in mischia e in touche e un paio di maul sembrano destinate alla meta. I locali però reggono l’urto. Il piazzato di Thomsen (12-20) mette al sicuro i torinesi dalla beffa e in pieno recupero, con Montaldo ammonito e fuori dalla mischia, il Prato Sesto, con il solito Wakarua, riesce solo a incamerare il bonus difensivo (15-20). Per capitan Merlino e compagni arriva un successo cercato dal prim!
o minuto
e supermeritato, messo in dubbio solo dalla classe di Wakarua. Ora non rimane che immergersi nella settimana più importante di tutta la stagione.
La cadetta cussina, allenata da Nicola Catalfamo e Nicola Compagnone travolge all’Albonico lo Stade Valdotain per 57-0 e rimane al secondo posto in classifica nel girone 2 della serie C. I Bulls schierano Amadini estremo, Valenti e Vergnano (14′ Lissandro) alle ali, Falcetto e Michele Listone (24′ st Federico Di Tizio) ai centri, Bianco e Oddone (14′ st Fantin) in mediana, Maso, Spinelli e Polla in terza linea, Alessandro Di Tizio e Falcetta (28′ st Leo) in seconda, Racca, Dell’Anna (38′ st Cartellà) e Wadi (21′ st Currò) in prima. In panchina Catalfamo. Inizio un po’ contratto per i cussini, perché la posta in palio è importante. Sul terreno di gioco pesante a sbloccare il risultato è Vergnano all’11. Amadini al 19′ va ancora a segno e Bianco trasforma (12-0). Corre il 26′ quando Wadi sigla la terza meta, arrotondata da Bianco al calcio (19-0). Altri due minuti e Amadini, su azione solitaria “buca” la difesa avversaria (24-0). C’è ancora tempo per i sigilli di Bianco, che al 38′ finalizza una palla fuori su mischia “rubata” e trasforma, e di Dell’Anna, che fissa il parziale a metà gara (l’addizionale di Bianco fa 38-0). Al rientro in campo suona sempre la musica cussina e la mole di lavoro viene concretizzata al 14′ da Spinelli e al 23′ da Lissandro, con Bianco pronto a centrare i pali entrambe le volte. Alla mezz’ora avanza inarrestabile la maul locale e Currò è bravo a schiacciare (57-0). Note di merito per Lorenzo Maso e Filippo Bianco, con quest’ultimo che fa suo il titolo di “man of the match”, per l’ottima regia a orchestrare i trequarti e la meta personale. I cinque punti mantengono i Bulls alle spalle del San Mauro, in vista dell’ultimo impegno di domenica proprio sul terreno della capolista, da vincere a tutti i costi per mantenere l’imbattibilità sul campo e andare agli spareggi di ammissione ai playoff promozione.
Nello stesso campionato di serie C l’Amatori Torino di Antonio Campagna cede per 24-0 all’Amatori Verbania. Sconfitta anche l’Under 16 Elite, per 7-34 in casa della Pro Recco, a caccia dei punti necessari per mettere al sicuro il secondo posto e il passaggio alla Final 8 nazionale, per l’assegnazione dello scudetto di categoria. Di George Reeves, autore anche della trasformazione, la meta degli ospiti, che concludono la stagione al settimo posto.

L’articolo Il CUS Ad Maiora espugna Sesto Fiorentino (20-15) e continua a sognare i playoff sembra essere il primo su On Rugby.