I Lions Livorno giocheranno i play-off con la Florentia

2772078-lions1

Sarà la Florentia l’avversaria dei Lions Amaranto Livorno nella semifinale play-off per la promozione in B. I labronici giocheranno il 25 maggio l’andata in casa e sette giorni dopo renderanno visita ai fiorentini. La vincente del derby toscano proseguirà il cammino e disputerà la finale (andata in trasferta, ritorno in casa), con la vincente della sfida fra Civitavecchia e Macerata. Le finali play-off sono in agenda l’8 e il 15 giugno. Le 32 migliori squadre nazionali della C sono state inizialmente divise in quattro macro-aree, che sanciranno le 8 promosse. Le 3 toscane (oltre a Lions e Florentia si è qualificata per gli spareggi il Cus Siena, che se la vedrà apprima con il Gubbio e poi, eventualmente in finale con la vincente della gara Forlì-Paganica) sono inserite nel girone del centro Italia. Per decidere gli abbinamenti, all’interno delle marco-aree, è stato effettuato un sorteggio ‘libero’. I Lions dunque ritrovano sulla propria strada la Florentia, con cui hanno rimediato due sconfitte durante la regular season. Quella gigliata è stata l’unica formazione negli ultimi due anni capace di vincere a Livorno contro gli amaranto. I fiorentini possono contare su una squadra solida, con ottimi elementi in tutti i settori. Non a caso la Florentia ha chiuso la C1 toscana al primo posto. Al suo attivo 68 punti, frutto di 14 vittorie e 2 sconfitte (72 le mete siglate). I Lions hanno invece concluso la prima parte del campionato sul terzo gradino della classifica, con 54 punti e 59 mete all’attivo, con 12 successi e 4 sconfitte. Ad essere realisti, la Florentia parte con i favori del pronostico nello scontro diretto. I Lions si giocheranno gran parte delle proprie velleità nel match di andata. Una piccola curiosità: quella del 25 maggio sarà la prima gara dei play-off di C che, nella propria storia, i Lions disputano a Livorno. Nella stagione 2007/08, quando, al primo anno fra i seniores, i Lions centrarono la promozione in B, tutte le partite interne venivano giocate a San Piero a Grado. L’anno scorso l’unico confronto casalingo, che si doveva disputare con l’Ascoli, saltò per la decisione dei marchigiani di dare forfait e poi i tre successivi impegni (con Correggio, Gubbio e Jesi) furono affrontati in gara unica in trasferta. Per farla breve sarà importantissimo, il 25 maggio, l’apporto del pubblico. La (comunque difficile) meta del passaggio alla finale play-off è da conquistare tutti insieme…