Guinness Pro12: Treviso tra voglia e disordine, vincono i Dragons

ph. Alessandra Florida

Sono i padroni di casa che partono meglio: al 3′ Tovey fa subito tra i pali e due minuti dopo una profonda penetrazione centrale viene fermata poco fuori dai 22 metri. Benetton Treviso che non difetta di voglia e determinazione ma che commete qualche errore di troppo soprattutto nell’handling.
Al minuto 11 ingenuità di Pratichetti che si fa intercettare un passaggio da Amos che si fa tutto il campo di corsa e va a schiacciare in meta, Tovey trasforma e Dragons che vanno sul 10 a 0.
Al 15′ Carlisle priva una punizione da metà campo ma non centra i pali, un minuto dopo seconda meta gallese ancora con Amos con i padroni di casa che sfruttano l’ennesima disattenzione biancoverde e si portano sul 17 a 0.
Al 28′ bella azione dei veneti che riescono ad arrivare in meta con Morisi ma la marcatura viene giustamente annullata per un doppio movimento del centro azzurro. C’è comunque un fallo per la squadra italia e Carlisle marca i primi tre punti per i suoi, nemmeno due minuti dopo è Tovey a sbagliare un piazzato non difficile.
I biancoverdi crescono di convinzione con il passare dei minuti, serrano meglio i ranghi e si avvicinano più volte ai 22 metri avversari ma non riescono mai a concretizzare: primo tempo che si chiude sul 17 a 3.

Secondo tempo che inizia nel peggiore dei modi con la difesa di Treviso che viene ancora bucata e che denota scarsa organizzazione, ne approfitta Smith che va subito a marcare la terza meta gallese. Al 46′ arriva il bonus per i padroni di casa che questa volta vanno al bersaglio grosso con Evans cha ancora una volta sfrutta una disposizione delle retrovie non ottimale, si va sul 27 a 3.
Treviso reagisce e al 52′ va in meta con Mat Loamanu che sfrutta al meglio una touche giocata davvero bene, Carlisle non trasforma e si rimane sul 27 a 8.
Un minuto dopo il Benetton si trova in superiorità numerica per un giallo comminato a Powell per un placcaggio alto a palla lontana che poteva costargli anche una espulsione. Veneti che si gettano in e che arrivano a un niente dalla meta ma la difesa dei Dragons riesce a tenere la palla alta a e a impedire a Sgarbi di schiacciarla.
In rapida successione entrano Gori e Minto e al 60′ arriva la seconda meta, meritatissima, con Leo Auva’a. Carlisle stavolta non sbaglia e si va sul 27 a 15, ma subito dopo un errore di Sgarbi regala una punizione facile a Tovey che non può sbagliare. Le squadre lottano e alla fine un piazzato dell’ultimo secondo di Tovey fissa il risultato sul 33 a 15 per i gallesi che hanno avuto il merito di avere le idee più chiare dei biancoverdi.

Partita pasticciata e che mostra un Benetton Treviso ancora sulla strada che porta a una identità che oggi c’è e si fa vedere solo a tratti. Non mancano gli spunti e le cose positive, c’è una idea di gioco ma non una organizzazione. Di qui i tanti errori e le troppe volte in cui i giocatori biancoverdi si trovano isolati. Una disorganizzazione che influisce anche sull’aspetto mentale dell’approccio alla gara, che spesso va a strappi e si muove tra sfuriate e momenti di caos, tra belle giocate ed errori evitabilissimi.
Lavoro e pazienza è l’unica ricetta oggi possibile, le qualità a questa squadra non sembrano mancare.

Newport Dragons: 15 Lee Byrne (c), 14 Tom Prydie, 13 Ben John , 12 Ashley Smith, 11 Hallam Amos, 10 Jason Tovey, 9 Jonathan Evans, 8 Taulupe Faletau, 7 Nic Cudd, 6 Andy Powell, 5 Rynard Landman, 4 Cory Hill, 3 Dan Way, 2 Elliot Dee, 1 Boris Stankovich.
Riserve: 16 T. Rhys Thomas, 17 Hugh Gustafson, 18 Lloyd Fairbrother, 19 James Thomas, 20 Lewis Evans, 21 Luc Jones, 22 Angus O’Brien, 23 Aled Brew.

Treviso: 15 Jayden Hayward, 14 Andrea Pratichetti, 13 Michele Campagnaro, 12 Luca Morisi, 11 Ludovico Nitoglia, 10 Joe Carlisle, 9 James Ambrosini, 8 Mat Luamanu, 7 Marco Lazzaroni, 6 Simone Favaro, 5 Marco Fuser, 4 Antonio Pavanello (c), 3 Rupert Harden, 2 Davide Giazzon, 1 Matteo Zanusso.
Riserve: 16 Amar Kudin, 17 Matteo Muccignat, 18 Romulo Acosta, 19 Giovanni Maistri, 20 Leo Auva’a, 21 Francesco Minto, 22 Alberto Sgarbi, 23 Edoardo Gori.

Marcatori per i Dragons
Mete: Amos (11, 16), Smith (42), J Evans (46)
Conversioni: Tovey (12, 17)
Punizioni: Tovey (3, 61, 80)

Marcatori per il Benetton Treviso
Mete: Loamanu (52), Leo Auva’a (60)
Conversioni: Carlisle (60)
Punizioni: Carlisle (30)

L’articolo Guinness Pro12: Treviso tra voglia e disordine, vincono i Dragons sembra essere il primo su On Rugby.