Guinness Pro12: Madigan guida Leinster, Scarlets ko 42-12

ph. Henry Browne/Action Images

DUBLINO Un Ian Madigan ad altissimo livello guida Leinster a una convincente vittoria nella prima gara casalinga della stagione contro gli Scarlets: 42-12, stesso numero di punti segnati un anno fa, quando Leinster aveva debuttato in Pro 12 al Parc y Scarlets vincendo 42-19.

Matt O’Connor sembra aver deciso che quest’anno il calciatore titolare sarà Ian Madigan. Il 25enne lo ripaga con una prestazione maiuscola nella quale segna due mete, fa vedere molte altre belle cose (splendido l’assist a Kearney per la seconda meta) trasforma anche dagli spogliatoi e gioca con il piglio del veterano.

Per la prima casalinga Leinster recupera il trio di nazionali Devin Toner, Rob Kearney e Jamie Heaslip, che fa anche il capitano, tutti assenti nella sconfitta a Glasgow al debutto. Alla vigilia coach O’Connor aveva invitato ricordato ai proprio giocatori la lezione di sette giorni prima, quando avevano praticamente regalato tutto il primo tempo. “Dobbiamo essere pronti dal primo minuto. Se noi commettiamo un errore loro segnano una meta. (ne hanno segnate quattro contro Ulster nel 32-32 di una settimana fa, ndr). Loro sono una squadra che tenta sempre di segnare, questo dovrebbe rendere la partita piacevole ma noi dobbiamo stare attenti. Dobbiamo difendere meglio della scorsa settimana e perdere meno in palloni in attacco”.

Wayne Pivac, head coach dei gallesi che può schierare Liam Williams nonostante il rosso di sette giorni prima, ricorda invece che “siamo a inizio stagione, ci sono ancora molte cose da sistemare e migliorare. Pensiamo a far bene, è sempre eccitante giocare davanti alla folla dell’Rds”.

Leinster soffre alcuni minuti la partenza degli Scarlets, che non segnano un calcio da posizione non impossibile al 3′. Appena entrano nella metà campo avversaria vanno in meta con una delle fiammate agonistiche tipiche della scorsa stagione. Protagonista Kearney che prima apre la difesa saltando la prima linea e poi va a schiacciare nell’angolo. Madigan, che aveva allungato un passaggio al volo mandando in meta il compagno, trasforma agevolmente da posizione difficile, 7-0.

Subito dopo buco a metà campo della difesa di casa, Scott Williams scappa, calcia la palla due volte e la schiaccia nell’angolo. Priestland conferma il pessimo inizio mancando i pali di 20 metri.

La seconda meta di Leinster arriva con un lampo di rugby in stile francese: accelerazione di Madigan, splendido calcetto di esterno sinistro in corsa di Kearney che scavalca la difesa e manda l’ovale in area di meta, salto a vuoto di Madigan e lo stesso Kearney che controlla la palla sul rimbalzo e schiaccia: molto bello. Madigan trasforma dallo stesso ciuffo d’erba.

Madigan e Kearney mostrano splendida condizione e grande intesa. È ancora Kearney a dare il là alla terza meta sfondando a sinistra. La difesa ospite si chiude e regge ma un cambio di fronte veloce con un gran passaggio lungo di Gopperth mandano Madigan a schiacciare. Lo stesso Madigan converte il 21-5. Gli Scarlets sono tramortiti, Cronin subito dopo manca la quarta meta per un niente (mette un piede fuori prima di schiacciare) e il TMO annulla.

Ancora Madigan protagonista nella quarta meta, che arriva ancora sulla destra, stavolta al termine di un’azione insistita. Leinster ha capito che il lato sinistro della difesa gallese non tiene e affonda senza pietà. Al 56′ è Ryan a schiacciare da quella parte un’altra azione insistita. Gli Scarlets sono ormai negli spogliatoi e al 70′ c’è gloria anche per l’appena entrato Furlong, che raccoglie un ovale perso da Reddan a due metri dalla linea e schiaccia. Prima di convalidare, lungo consulto fra l’arbitro Mitrea (buona la sua prestazione) e il Tmo.

Matt O’Connor può sorridere: se Madigan è sempre questo, Leinster può sperare di essere protagonista anche a primavera. In chiusura la meta di Shingler dà il punto di bonus agli Scarlets che, pur non commettendo grossi errori e giocando ordinati, non riescono quasi mai a contenere né a impensierire una squadra che all’Rds è un osso veramente duro per qualsiasi 15.

Leinster: 15 Rob Kearney, 14 Zane Kirchner, 13 Brendan Macken, 12 Ian Madigan, 11 Darragh Fanning, 10 Jimmy Gopperth, 9 Isaac Boss, 8 Jamie Heaslip, 7 Shane Jennings, 6 Dominic Ryan, 5 Mike McCarthy, 4 Devin Toner, 3 Mike Ross, 2 Sean Cronin, 1 Jack McGrath Sostituti: 16 Bryan Byrne, 17 Cian Healy, 18 Tadhg Furlong, 19 Ben Marshall, 20 Kevin McLaughlin, 21 Eoin Reddan, 22 Steve Crosbie, 23 Mick McGrath

Mete: 9′ e 28′ Kearney, 35′ e 52′ Madigan, 58′ Ryan, 70′ Furlong

Trasformazioni: 11′, 29′, 36′, 53′, 60′ e 70′ Madigan

Punizioni:

Scarlets: 15 Gareth Owen, 14 Harry Robinson, 13 Adam Warren, 12 Scott Williams, 11 Jordan Williams, 10 Rhys Priestland, 9 Rhodri Williams, 8 Rory Pitman, 7 John Barclay, 6 Aaron Shingler, 5 Johan Snyman, 4 Jake Ball, 3 Rhodri Jones, 2 Ken Owens (c), 1 Phil John. Replacements: 16 Emyr Phillips, 17 Rob Evans, 18 Peter Edwards, 19 Richard Kelly, 20 Rob McCusker, 21 Aled Davies, 22 Steven Shingler, 23 Gareth Davies

Mete: 14′ Scott Williams, 80′ Snyman

Trasformazioni: 82′ Shingler

Punizioni:

Arbitro: Marius Mitrea (Italy). Assistenti : Mark Patton (Ireland), Jonathan Peak (Ireland). TMO: Alan Rogan (Ireland)

di Damiano Vezzosi

L’articolo Guinness Pro12: Madigan guida Leinster, Scarlets ko 42-12 sembra essere il primo su On Rugby.