Guinness Pro 12: Zebre e Treviso, inizia la corsa celtica

guinness pro 12 presentazione

Oggi a Londra è stata presentata la quinta edizione della Celtic League con le italiane, la prima sponsorizzata dalla birra irlandese.

Si è tenuto oggi nella sede londinese di Diageo – la multinazionale che controlla il marchio Guinness – la presentazione ufficiale della stagione 2014/15 del campionato celtico Guinness Pro 12. Presenti all’evento nel luogo dove sorgeva la storica fabbrica inglese della famosa birra irlandese la dirigenza del torneo, allenatori e capitani delle 12 formazioni che tra 10 giorni si daranno battaglia in campo nei 22 turni della stagione regolare alla ricerca di un posto nei playoff di fine Maggio 2015. Obiettivo strappare il titolo di campione dalle mani degli irlandesi del Leinster, vincitori dell’ultima finale dello scorso maggio sugli scozzesi Glasgow Warriors.

L’amministratore delegato della Guinness Pro 12 John Feehan ha usato parole di stima per il rugby italiano: ”Siamo contenti della crescita delle due formazioni italiane. Zebre e Treviso stanno facendo un lavoro importante nel crescere nuovi talenti di pari passo con la crescita dei club stessi che rendono tutto il torneo più competitivo. Nessuna delle altre squadre vola in Italia pensando di affrontare gare semplici. A livello generale ci aspettiamo le squadre italiane competitive per i playoff molto presto”.

Alla domanda se bisogna aspettarsi ancora una crescita da parte delle Zebre, il capitano bianconero Marco Bortolami è sembrato fiducioso: ”Siamo meglio dell’anno scorso ma anche gli altri team sono più forti. Sarà un bel torneo e dobbiamo partire bene, nelle coppe europee avremo più chances perché le altre formazioni del PRO12 saranno interessate dalla Champions Cup, competizione molto dura. Non sarà facile per un team giovane come noi: abbiamo molti ragazzi esordienti ma siamo assolutamente fiduciosi. Il primo test con Cardiff a Parma sarà subito difficile dato che loro vorranno rifarsi dalle due sconfitte dell’anno scorso”.

L’head coach Andrea Cavinato intervistato dalla stampa ha fissato l’obiettivo: ”Dobbiamo avere una grande motivazione per confermare ciò di buono fatto l’anno scorso. La scorsa stagione partivamo da zero mentre questa volta partiamo da 5 vittorie e due pareggi guadagnati la scorsa stagione. Fare meglio sarà molto motivante per tutti: giocatori e società. Siamo fiduciosi dei nostri mezzi”.

“Abbiamo cambiato tutto questa estate: giocatori, allenatore, metodi di allenamento – dice il capitano biancoverde, Antonio Pavanello –, cerchiamo di fare il meglio possibile, ma sappiamo bene che non sarà facile, soprattutto all’inizio. Anche il modulo di gioco sarà diverso: con Franco Smith il modello, ovviamente, era quello sudafricano, con Umberto, cresciuto alla scuola di John Kirwan, è più quello neozelandese. Quindi, semplificando, un maggior numero di palloni al largo e tante corse per tutti. Ci servirà tempo, ma sono fiducioso. La rivalità con le Zebre? Sempre sentita, anche perché adesso in palio c’è il posto in Champions Cup”.

Segui @Rugby1823 su Twitter

Seguici su Google+

Guinness Pro 12: Zebre e Treviso, inizia la corsa celtica é stato pubblicato su rugby1823.it alle 18:00 di martedì 26 agosto 2014.