Guinness Pro 12: troppo Ulster per le Zebre

guinnesspro12 2015 ulster zebre post

Troppo Ulster per le Zebre che a Belfast restano in partita poco meno di mezz’ora, poi i nordirlandesi mettono la freccia e conquistano vittoria e bonus.

Primo fischio contro Chistolini in mischia al 3° minuto, Ulster muove bene l’ovale che raggiunge il capitano Best che si fa sfuggire in avanti l’ovale e grazia la difesa delle Zebre. Sul susseguente ingaggio è performante il pack nord-irlandese che ruota dando la possibilità al numero 8 Williams di raccogliere l’ovale non tallonato e segnare la prima meta della sfida. Le Zebre reagiscono subito con una lunga azione multifase che dimostra il carattere dei bianconeri in meta col nuovo entrato Vunisa che sorprende Best nella ruck a pochi metri dalla linea; trasforma Haimona per il 7 pari. Il Xv del Nord-Oves ha subito la possibilità di portarsi avanti con un piazzato al 11° sui 22 per un fuorigioco di Trimble, Haimona non sbaglia come invece fa poco dopo il collega Humphreys per un fallo in ruck contro la difesa bianconera. Al 17° arriva la seconda meta dei padroni di casa al largo con Gilroy, concessa dopo l’aiuto del TMO per un ipotetico in avanti sull’ultimo passaggio. Trasforma la posizione molto angolata il numero 10 dell’Ulster per il nuovo vantaggio interno.

Di nuovo Garcia e compagni nei 22 avversari al 22° ma la buona azione -nata da buoni ingaggi in mischia chiusa- si chiude con un fuorigioco della linea offensiva. Ulster risale dopo un buon ingaggio al 25° e trova la terza meta dopo una lunga azione: ovale spostato velocemente su tutto il fronte d’attacco e varco trovato sempre al largo sinistro grazie ad una superiorità numerica con Diack. Le Zebre si riaffacciano nella metà campo avversaria al 32° grazie ad un avanzamento della propria maul: arriva il fischio del direttore di gara gallese ed anche il primo errore stagionale dalla piazzola per il neozelandese Haimona. Sul veloce ribaltamento di fronte Ludik va in meta ma la segnatura non è concessa per un in avanti. Sulla mischia seguente Marshall è pescato a colpire l’ovale non ancora uscito dall’ingaggio e così il XV del Nord-Ovest può liberarsi della pressione. Il tempo si chiude con un’altra lunga azione palla in mano di Best e compagni che mettono alla prova la difesa italiana sul ritmo: arriva il fuorigioco di Biagi e la mischia a tempo scaduto che genera una nuova lunga azione. La prima frazione termina dopo 43 minuti con un turn-over della difesa zebrata: primo tempo più a tinte biancorosse ma con le Zebre pericolose in più di un’occasione.

Ritmo più basso e gioco al piede protagonista ad inizio ripresa con le Zebre a giocare una buona touche in attacco col nuovo entrato Manici. Il multifase bianconero trova al largo Toniolatti che serve in modo puntuale l’accorente Vunisa che viene però portato fuori dal campo giusto ad un paio di metri dalla meta al 47°. Difesa italiana avanzante al 53° a recuperare l’ovale con una controruck di Cristiano, ma la buona azione per Bisegni sfuma su un in avanti precedente di Chistolini che frutta un fallo in mischia a favore del pack di coach Kiss. La rimessa sui 22 metri è però rubata dai saltatori italiani prima che Leonard venga placcato in volo: l’azione indisciplinata costa il giallo all’estremo Andrew al 55°.

Ulster trova la meta del bonus allo scoccare dell’ora di gioco in inferiorità numerica grazie al suo punto di forza della sfida del nuovo Kingspan Stadium: la mischia ordinata permette al mediano Paul Marshall di raccogliere un ovale uscito perfettamente e involarsi all’angolo per servire l’ala Trimble. Nordirlandesi ancora in attacco a sfruttare l’indisciplina bianconera di Lovotti al quale viene fischiato un tenuto sulla metà campo. L’azione porta la linea del vantaggio nei 22 bianconeri dove l’apertura Humphreys con un calcetto supera l’ultimo difensore italiano e trova Tuhoy per la quinta meta. A dieci minuti dal termine le Zebre ottengono un fallo a favore in mischia sulla linea dei 22 e Haimona centra i pali muovendo il tabellino della franchigia di base a Parma. La partita rimane su buoni ritmi con i padroni di casa sospinti dal folto e caloroso pubblico e le Zebre a difendere con ordine fino al fischio finale dell’arbitro Hodges.

ULSTER – ZEBRE 33-13
Venerdì 12 settembre, ore 20.35 – Kingspan Stadium, Belfast
Ulster: 15 Ricky Andrew, 14 Andrew Trimble, 13 Darren Cave, 12 Luke Marshall, 11 Craig Gilroy, 10 Ian Humphreys, 9 Paul Marshall, 8 Nick Williams, 7 Chris Henry, 6 Robbie Diack, 5 Dan Tuohy, 4 Lewis Stevenson, 3 Wiehahn Herbst, 2 Rory Best, 1 Andrew Warwick
In panchina: 16 Rob Herring, 17 Ruaidhri Murphy, 18 Bronson Ross, 19 Franco van der Merwe, 20 Roger Wilson, 21 Michael Heaney, 22 Stuart Olding, 23 Louis Ludik
Zebre: 15 Hendrik Daniller, 14 David Odiete, 13 Giulio Bisegni, 12 Gonzalo Garcia, 11 Giulio Toniolatti, 10 Kelly Haimona, 9 Brendon Leonard, 8 Andries Van Schalkwyk, 7 Filippo Cristiano, 6 Mauro Bergamasco, 5 George Biagi, 4 Andries Ferreira, 3 Dario Chistolini, 2 Andrea Manici, 1 Andrea De Marchi
In panchina: 16 Oliviero Fabiani, 17 Andrea Lovotti, 18 Luciano Leibson, 19 Valerio Bernabò, 21 Quintin Geldenhuys, 21 Samuela Vunisa, 22 Guglielmo Palazzani, 23 Edoardo Padovani
Arbitro: Leighton Hodges
Marcatori: 4′ m. Williams tr. Humphreys, 7′ m. Vunisa tr. Haimona, 11′ cp. Haimona, 16′ m. Gilroy tr. Humphreys, 26′ m. Diack, 59′ m. Trimble tr. Humphreys, 65′ m. Tuohy tr. Humphreys, 70′ cp. Haimona

Segui @Rugby1823 su Twitter

Seguici su Google+

Rugby | Guinness Pro 12 | Ulster vs Zebre | Il risultato é stato pubblicato su rugby1823 alle 22:20 di 12 settembre 2014.