Guinness Pro 12: chi fermerà lo strapotere del Leinster?

guinness pro 12 201415

Inizia questo weekend la Celtic League, con i campioni in carica ancora favoriti d’obbligo.

Hanno vinto l’anno scorso e sono in pole position per il bis quest’anno. I dubliners del Leinster appaiono ancora una volta la formazione più forte ed esperta del lotto celtico. Ma chi sono le alternative e cosa aspettarci dalle italiane?

Se il Leinster potrà fare a meno di Brian O’Driscoll, così le altre squadre dovranno trovare il jolly per evitare che gli irlandesi dominino la stagione regolare e volino nei playoff. In prima posizione ci sono gli scozzesi di Glasgow sorpresa un anno fa, ma che ora possono confermarsi come certezza e, con un anno di esperienza in più, sono l’alternativa più credibile agli irlandesi.

Il dominio verde, però, quest’anno potrebbe essere meno imbarazzante, con il Munster (Anthony Foley) e l’Ulster (Les Kiss) che hanno due nuovi tecnici che dovranno non far rimpiangere Rob Penney e soprattutto Mark Anscombe. Difficile ci riescano fin dal primo anno ed entrambe le squadre faticheranno se vogliono arrivare almeno ai playoff.

Chi si è rinforzato più di tutti quest’estate sembrano essere i Cardiff Blues, che oltre al tanto acclamato Adam Jones vedranno esordire all’Arms Park l’azzurro Manoa Vosawai e, soprattutto, Gareth Anscombe. Certo, non vanno dimenticati gli addii di Leigh Halfpenny o Bradley Davies, ma forse i veri ‘colpi di mercato’ sono il ritorno a tempo pieno di capitan Matthew Rees dopo il tumore ai testicoli e quello di Sam Warburton, dopo i guai tra regions e federazione. Playoff nettamente alla portata dei gallesi, che hanno superato gli Ospreys nella classifica dei club più forti del Galles.

Sono questi i team su cui si può scommettere per la corsa playoff, le tre irlandesi, con Leinster davanti a tutti, i Warriors e le due gallesi, con i Blues favoriti sugli Ospreys. Meno chance per gli Scarlets, che comunque sono sempre lì, in bilico tra l’élite celtica e i bassifondi, mentre difficilmente vedremo nella parte sinistra della classifica Edimburgo, Newport o Connacht.

E le italiane? Purtroppo c’è poco da sperare anche quest’anno, con Treviso all’anno zero e le Zebre che devono ancora dimostrare la loro forza. Ultimi due posti per le italiane, come molti si aspettano? Probabile, ma non certo. Sicuramente si giocheranno il campionato con le seconde scelte d’Irlanda, Scozia e Galles, mentre conquistare il sesto posto (cioè il posto che vale la qualificazione diretta in Champions Cup) sembra ancora fuori dalla portata sia del XV di Andrea Cavinato sia di quello di Umberto Casellato.

Guinness Pro 12: chi fermerà lo strapotere del Leinster? é stato pubblicato su rugby1823.it alle 10:00 di martedì 02 settembre 2014.