Gatland media tra WRU e Regions. E strappa un accordo sugli stranieri

ph. Jason O’Brien/Action Images

Passo avanti nella ricomposizione della complessa vicenda che sta separando la federazione gallese e le quattro franchigie celtiche. Il merito stavolta ha un nome e un cognome, quello di Warren Gatland, il ct della nazionale in maglia rossa che sa benissimo che lo stato attuale delle cose non è certo un buon viatico per affrontare l’anno che precede la RWC, tanto più se al torneo iridato ti ritrovi nello stesso girone di Inghilterra e Australia…
Le Regions volevano avere la possibilità di schierare – anche dal primo minuto – 10 stranieri, cifra considerata eccessiva e spropositata da parte della WRU. In effetti…
Gatland si è seduto al tavolo ed è riuscito a strappare un compromesso: 8 stranieri al massimo in campo tra cui due eleggibili per la nazionale nel breve periodo.
Ospreys, Scarlets, Dragons e Blues hanno detto sì e un passo in più verso il nuovo Partecipation Agreement è stato fatto. La strada però non è ancora finita.

L’articolo Gatland media tra WRU e Regions. E strappa un accordo sugli stranieri sembra essere il primo su On Rugby.