Galles: Federazione e regions, pace ancora lontana

galles wru regions 12 aprile 2014

L’accordo per il futuro della Pro 12 e della Champions Cup non ha risolto tutti i problemi in casa gallese. Dove le posizioni sono ancora distanti.

Pace raggiunta in Europa, con la nascita della Champions Cup, tregua raggiunta in Italia, dove Treviso resta in Pro 12 e dove il Belpaese resterà celtico almeno altri quattro anni. Due dei fronti più caldi del rugby europeo si sono raffreddati negli ultimi giorni, ma restano agitate le acque in Galles, dove tra Wru e regions lo scontro è ancora vivo.

Non aiuta sicuramente il rischio – concreto – che nessuna delle formazioni gallesi raggiunga i playoff della RaboDirect Pro 12 per la prima volta nella storia, così come la completa debacle in Heineken Cup. Due termometri che mostrano come il rugby gallese, di club, non stia vivendo un gran momento. E questo preoccupa le regions che chiedono garanzie per il futuro. E soldi.

“La prima questione, e la più seria, è capire se tutti vogliamo rendere competitivo il rugby regionale in Galles. Se lo siamo, allora le soluzioni arriveranno. Ma servono principi ed elementi fondamentali da raggiungere per primi, e questo ancora manca. Al momento sul tavolo ci sono gli stessi soldi di prima, con forse 2 milioni (di sterline) in più. Ma non basta e dimostra che la Wru non ha messo altri soldi sul tavolo”.

Queste le parole di Mark Davies, capo della RRW, la Regional Rugby Wales, alla Bbc ieri. Insomma, il rischio strappo con la nascita di una lega anglogallese sembra un lontano ricordo, ma sicuramente la situazione in Galles è tutt’altro che tranquilla.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter e @Google +

Galles: Federazione e regions, pace ancora lontana é stato pubblicato su rugby1823.it alle 10:30 di sabato 12 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.