Fair play finanziario: in Inghilterra alcuni club alzano la voce

fair play finanziario

Saracens e Bath hanno i conti in rosso e ai loro avversari questo non va più bene.

E’ un termine entrato ormai nella cronaca quotidiana del calcio, ma nel rugby ancora viveva ai margini. Il cosiddetto “fair play finanziario”, cioè fare sport tenendo i conti in regola, senza buchi finanziari da coprire stagione dopo stagione. Insomma, giocarsela con i mezzi che si hanno, senza vivere oltre le proprie possibilità. Ma in Inghilterra il problema sta prendendo anche una forma ovale.

I Saracens (che dominano la regular season attuale e vincitori del campionato tre anni fa) avrebbero avuto perdite per 5,9 milioni di sterline nella scorsa stagione, con un passivo complessivo di 32,7 milioni nelle ultime sette stagioni. Bath, invece, avrebbe avuto un passivo di 3,8 milioni di sterline l’anno scorso. Ma non si creano buchi solo per vincere e andare ai playoff, visto che anche i London Wasps sarebbero in rosso di 3,1 milioni, mentre Worcester di 3 milioni.

Una situazione che ad altri club, più virtuosi, non piace e preoccupa. Il chief executive dei Northampton Saints Allan Robson non mette in dubbio la legalità della gestione finanziaria dei suoi avversari, ma ne sottolinea i pericoli.

“Lo sport si basa sull’aspirazione e tutti puntano alle finali e al successo, ma non mi piace sentire di club che perdono 3 o 6 milioni di sterline, perché ciò non è sostenibile. E’ una situazione pericolosa. Non è contro le regole, ma fa bene ai club? Se un domani chi risana i bilanci se ne va, cosa succede?”

Parole simili a quelle di Tony Rowe, degli Exeter Chiefs, che va giù più duro.

“Noi gestiamo Sandy Park come un business, questo significa che puntiamo al profitto. Se non possiamo chiudere in attivo allora dovremmo smettere. Trovo sbagliato che altri possano acquistare giocatori e gestire lo sport come fosse un pozzo nero. Ma i nodi prima o poi arrivano al pettine e ti si ritorcono contro”.

RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter e @Google+

Fair play finanziario: in Inghilterra alcuni club alzano la voce é stato pubblicato su rugby1823.it alle 10:30 di lunedì 14 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.