ECCELLENZA. ROVIGO BATTE IL VIADANA PER 26-20. VITTORIE PER MOGLIANO, PRATO E PADOVA.

eccellenza logo

Il Vea Femi Cz Rovigo supera il Rugby Viadana nel big match della tredicesima giornata. Risultati contenuti a Prato e Mogliano. Il Petrarca fa il bonus nel finale di gara contro la Lazio.
La capo classifica Rovigo non delude i tifosi accorsi al “Battaglini” e con una grande prova di carattere e fisica batte il Rugby Viadana per 26-20, dopo aver chiuso in vantaggio anche il primo tempo per 16-5. Pronti e via ed era Sintich a regalare al Rugby Viadana il vantaggio con una meta dopo appena due minuti di gioco. Al 19 Mirko Bergamasco centrava i pali per il primo dei suoi 4 piazzati della giornata e dopo aver replicato al 27, andava in meta tre minuti dopo con una bella azione alla mano. In apertura di secondo tempo Du Plessis per il Viadana accorciava lo score con una meta di sfondamento (16-10) ma al 55′ il Rovigo si vedeva assegnare una meta tecnica dal direttore di gara Damasco, che risultava decisiva per la sorti della partita. Al 65 Bergamasco portava i rosso blu sul 26-10. Gli ultimi minuti di gioco vedevano il Viadana segnare la meta del 26-17 e forzare i ritmi, ma si concretizzava solo al 80 con Apperlay che centrare i pali per il punto di bonus del 26-20.
Il Marchiol soffre contro le Fiamme Oro Roma, salite a Mogliano per fare punti e ben figurare. Gara condizionata dal terreno di gioco reso pesante dalla pioggia e primo tempo che si chiudeva sullo 0-0. Al 44 era Cornwell a muovere il risultato con un piazzato cui replicava Benetti al 50. Al 67 la svolta della gara, con Enrico Ceccato che sfruttare un lavoro del pack e finalizzava il lavoro con la meta del definitivo 8-3.
Il Prato batte il M-Three San Donà per 12-3 e si rilancia in classifica. La vittoria complice il passo falso del Viadana regala la quarta posizione in classifica. Partita chiusa e con molti errori. Più preciso Browne che centra i pali per 4 volte mentre per il san Donà gli unici punti sono venuti da un piazzato di Taumata.
A Roma il Petrarca Padova batte la IMA Lazio negli ultimi dieci minuti di gioco. Al 70′ infatti il risultato era fermo sul 16-16 in virtù di una meta tecnica e 11 punti dal piede di Nathan (Lazio), mentre il Petrarca aveva marcato con le mete di Sarto e Jordaan ed un piazzato ciascuno per Marcato e Menniti
Al 75 era prima Bettin a segnare al largo la meta del 21-16 e al 78, sempre da un’ azione alla mano, Billot portava il Padova sul 28-16 (trasformazione di Menniti) e regalava il punto aggiuntivo del Bonus.