Eccellenza e terza coppa europea: ecco come funziona. Rovigo-FIR, è scontro

Ieri a Bologna si è tenuto il primo incontro tra il presidente FIR Alfredo Gavazzi e il numero uno del Rovigo Francesco Zambelli dopo le polemiche seguite alla finale dell’Eccellenza tra Calvisano e i rossoblu, vinta dai bresciani. A quanto racconta il Gazzettino Zambelli se ne sarebbe andato prima della fine del vertice, in maniera stizzita. Un incontro a cui hanno preso parte tutti i presidenti dei club dell’Eccellenza e dove si è parlato del torneo di qualificazione alla Challenge Cup, ancora avvolto dalle nebbie.
A quanto racconta il quotidiano veneto il posto nella seconda competizione europea lo giocheranno solo le due finaliste dell’Eccellenza, Rovigo e Calvisano, che affronteranno contro una squadra rumena e una georgiana: sfide di andata e ritorno il 20 e 27 settembre. Chi perde prenderà parte alla terza competizione continentale gestaita dalla FIRA e che prevede la presenza anche di Mogliano e Viadana.
Il torneo sarà suddiviso in due gironi da quattro squadre ognuna e mette in palio due posti per lo spareggio per l’accesso alla Challenge 2015/2016. Possibile un sistema di permit player per le italiane che andranno a parteciparvi.
Dicevamo dello scontro Gavazzi/Zambelli: a indispettire il dirigente rossoblu la decisione di non modificare l’attuale regolamento per le finali dell’Eccellenza, che continueranno ad essere giocate in casa della squadra meglio classificata nella stagione regolare.

L’articolo Eccellenza e terza coppa europea: ecco come funziona. Rovigo-FIR, è scontro sembra essere il primo su On Rugby.