Eccellenza: Bergamasco attacca Rovigo “Mancanza di rispetto”

mirco bergamasco

Il trequarti padovano, passato alle Zebre, dice la sua sul difficile finale di stagione con i rossoblu.

Poca professionalità? Stipendio troppo alto? Infortunio inventato? Mirco Bergamasco, trequarti azzurro passato quest’estate alle Zebre, risponde alle accuse che negli ultimi mesi gli sono piovute addosso da Rovigo. Un rapporto d’amore che, a leggere le sue parole sul Gazzettino, si è incrinato troppo in fretta.

“Ciò che mi ha ferito di più è stato mettere in dubbio la mia professionalità. Zambelli ha detto che il mio atteggiamento di fine stagione non è stato positivo e che alcuni giocatori gli avrebbero riferito che non volevo calciare. Assurdo! Le uniche volte che non l’ho fatto è perché avevo un affaticamento al ginocchio destro e non volevo complicare la situazione, in accordo con lo staff”.

Queste le dure parole di Mirco, che proprio sulla questione infortuni vuol dire la sua.

“…mi è stato puntato il dito addosso per l’infortunio capitato durante la gara di ritorno di campionato, contro il Calvisano, come se avessi deciso o scelto di farmi male”.

Il mancato rinnovo, poi, è stato giustificato dal Rovigo con lo stipendio troppo alto del padovano. Che, anche qui, vuol dire la sua.

“Il patron ha dichiarato pubblicamente che costavo troppo. Garantisco che il mio stipendio non era particolarmente maggiore rispetto a quello di altri compagni, come Basson e Montauriol. I contratti inoltre si stipulano tra le parti, quindi se il mio compenso era troppo elevato se ne poteva discutere”.

A ciò Bergamasco aggiunge che, un anno fa, Zambelli aveva pubblicamente utilizzato l’arrivo del giocatore per convincere alcuni sponsor a firmare. “Penso che anche in termini di immagine e di abbonamenti la mia figura abbia
apportato qualcosa e che quindi alcuni costi di cui si parla siano opportunamente rientrati”
.

Insomma, l’addio di Mirco Bergamasco da Rovigo non è stato dei migliori e il giocatore si è sentito poco rispettato. Anche, appunto, nell’addio. “Ho deciso di chiamare il presidente Francesco Zambelli, che mi ha detto che non rientravo nei piani e che avevano puntato su altri giocatori. Non discuto, ognuno è libero di fare le proprie scelte, solo che avrei preferito essere informato con un minimo di preavviso” conclude Mirco.

Segui @Rugby1823 su Twitter

Seguici su Google+

Eccellenza: Bergamasco attacca Rovigo “Mancanza di rispetto” é stato pubblicato su rugby1823.it alle 09:45 di lunedì 28 luglio 2014.