Doping “ricreativo”: sei mesi di squalifica per Luca Calandro

ph. Daniela Pasquetti

Il Tribunale Nazionale Antidoping ha squalificato per sei mesi Luca Calandro, giocatore delle Fiamme Oro trovato positivo alla cannabis all’esame effettuato dopo la partita con Rovigo, gara dove tra l’altro non era nemmeno sceso in campo. Un caso di “doping ricreativo” insomma. La squalifica è a decorrere dal 27 febbraio scorso con scadenza il 26 agosto 2014. Calandro era già stato estromesso dal gruppo sportivo della polizia già dopo le controanalisi.

L’articolo Doping “ricreativo”: sei mesi di squalifica per Luca Calandro sembra essere il primo su On Rugby.