Coppe Europee: nascerà (finalmente) la ‘coppa emergenti’

image

Il presidente della Rugby Europe (che ha preso il posto della Fira) prospetta una terza coppa continentale.

Se ne era parlato durante le trattative per la nascita della nuova Champions Cup, ma poi sembrava essere finita nel dimenticatoio. La terza coppa, quella per le nazioni emergenti, si era ridotta a una doppia sfida per accedere alla Challenge Cup. Bucarest-Calvisano e Rovigo-Tbilisi saranno, infatti, gli spareggi per gli ultimi due posti in Challenge e morta lì.

Così sembrava fino a ieri, quando il presidente della Rugby Europe, Octavian Morariu, ha prospettato la terza coppa. La Rugby Europe è la vecchia Fira, che vedrà la luce ufficialmente il prossimo 15 settembre. Ma prima, il 3, l’EPCR annuncerà il nuovo torneo ‘emergenti’, cui dovrebbero partecipare due club italiani, uno georgiano, uno rumeno, uno russo, uno spagnolo, uno portoghese e uno tedesco.

Un torneo, diciamolo subito, più alla portata dei nostri club d’Eccellenza, che così eviteranno le batoste europee degli ultimi anni. A partecipare – ammesso e non concesso che Calvisano e Rovigo si qualifichino per la Challenge – dovrebbero essere Mogliano e Viadana. L’Italia, così, tornerebbe ad avere sei squadre in Europa, ma finalmente con una meritocrazia più intelligente e senza ‘carni da macello’ come in passato.

Segui @Rugby1823 su Twitter

Seguici su Google+

Coppe Europee: nascerà (finalmente) la ‘coppa emergenti’ é stato pubblicato su rugby1823.it alle 08:00 di mercoledì 27 agosto 2014.