Concussion, a Sud un protocollo più rigido. E Ben Afeaki pensa di mollare

ph. Nigel Marple/Action Images

Nell’Emisfero Sud a livello élite si irrigidisce il protocollo di gestione e valutazione delle sospette concussion durate un match. Il protocollo PSCA (Pitch Side Concussion Assessment) verrà sostituito dall’ Head Injury Assessment (HIA), una serie di controlli più rigidi per valutare lo status motorio e mentale del giocatore che ha subito un colpo alla testa. “La salute dei giocatori è di primaria importanza, e le nuove procedure verranno adottate dal primo weekend di Super Rugby dopo la finestra internazionale”, ha dichiarato il chief executive del SANZAR Greg Pieters. Anche durante il prossimo Championship dovrebbe essere utilizzata la nuova procedura.

Destano invece sorpresa le parole di Ben Afeaki, prima linea classe 1988 che ha da poco collezionato il suo primo cap con gli All Blacks. Il giocatore ha dichiarato di voler prendere seriamente in considerazione l’idea del ritiro, per le troppe concussion subite (tre in tre anni), che gli causerebbero nausea e vista nebbiosa, come ha detto lo stesso giocatore a Fairfox Media.

L’articolo Concussion, a Sud un protocollo più rigido. E Ben Afeaki pensa di mollare sembra essere il primo su On Rugby.