Caso Galles agli sgoccioli? Le Regions attendono il “sì” della federazione

ph. Sebastiano Pessina

Cardiff Blues, Newport Dragons, Scarlets e Ospreys hanno fatto recapitare alla WRU la loro proposta finale del nuovo “Partecipation Agreement” che dovrebbe sostituire quello scaduto lo scorso 30 giugno e grazie al quale le quattro realtà territoriali gallesi dovrebbero prendere parte per i prossimi 4 anni alle coppe europee e al Pro12.
Una risposta definitiva è attesa nella giornata di giovedì – a farlo sapere è la stampa gallese – e anche se tuti gli indizi portano a presagire ormai a un “sì” i colpi di scena e le giravolte in questa estenuante vicenda sono ormai stati così numerosi che è meglio rimanere prudenti.
E giusto per tenere calme le acque il boss dei Blues Peter Thomas ha detto a WalesOnLine che “se la WRU non dichiarerà la pace dovrà affrontare la distruzione del rugby gallese”.
Con il nuovo accordo le Regions dovrebbero ricevero nel complesso 8,7 milioni di sterline, due in più rispetto all’accordo precedente, soldi che nelle intenzioni dovrebbero servire soprattutto per trattenere i giocatori migliori e mettere fine alla diaspora che ha portato mezza nazionale gallese in Francia e Inghilterra.

L’articolo Caso Galles agli sgoccioli? Le Regions attendono il “sì” della federazione sembra essere il primo su On Rugby.