Box tecnici e cori sarcastici: Gavazzi e una finale-scudetto da dimenticare

ph. Sebastiano Pessina

Lo abbiamo scritto ieri, ma non bisognava essere dei gran indovini per capire che le polemiche del dopo finale-scudetto sarebbero proseguite per un po’. Vi abbiamo già raccontato delle dichiarazioni post-partita del ds del Rovigo Pietro Reale, oggi a sostenerle in qualche modo è Ivan Malfatto, uno dei giornalisti ovali più noti e stimati di tutta Italia. Dalle pagine del sito web del Gazzettino Malfatto parla di “delitto rugbistico perfetto” e chiosa: “D’altronde era scritto. Se i padroni di casa non avessero saputo vincere imponendo il loro gioco e la loro superiorità, sarebbero subentrati gli aiutini, le sviste arbitrali, gli episodi disciplinari che cambiano una partita. Così è stato”.

Ma il giornalista (nato nel milanese ma che vive a Rovigo) non si ferma ai presunti errori arbitrali e racconta di un presidente Gavazzi che avrebbe reagito in malo modo a un coro proveniente dalla tifoseria rossoblu durante la cerimonia di premiazione. Nulla di ingiurioso, ma uno sfottò sarcastico, un “grazie Gavazzi” (così racconta Malfatto) che al presidente federale non sarebbe proprio andato giù e a cui avrebbe reagito dicendo con un “Ora vengo giù da voi”. Un coro che se fosse stato ignorato dal diretto interessato avrebbe finito lì la sua “storia”, invece.
Una reazione scomposta, quella di Gavazzi, che mal si addice al ruolo che ricopre (tanto per fare un esempio il presidente Dondi il 29 maggio 2011 al Battaglini si beccò i fischi plateali delle tifoserie rossoblu e del Petrarca e non fece una grinza, anche se siamo pronti a scommettere che non ne fu affatto felice) e che fa il paio con la sua presenza nel box tecnico del Calvisano durante la partita. Cosa non illegale o illecita, per carità, ma sicuramente evitabile e poco consona rispetto a un ruolo super partes come quello della presidenza FIR. Un posto in tribuna avrebbe evitato ogni polemica.
E che presta ora il fianco a una serie di critiche, compresa quella di Malfatto: “Sorprendente? No. Quando si parla di conflitto d’interessi di Alfredo Gavazzi, presidente della Fir e proprietario del Calvisano, lo si fa perchè questa è poi la logica conseguenza. Aggravata dal fatto che il settore arbitrale ora non è più indipendente, ma è governato dal settore tecnico della Fir. Cioè ancora da Gavazzi”.
In mezzo a tutto questo da segnalare una cosa invece molto bella: decine di tifosi rossoblu hanno accolto il ritorno del Rovigo al Battaglini per applaudire e ringraziare giocatori e tecnici : erano le 4 del mattino.

L’articolo Box tecnici e cori sarcastici: Gavazzi e una finale-scudetto da dimenticare sembra essere il primo su On Rugby.