Banca Cras piega alla distanza Firenze 1931

Era uno degli appuntamenti da siglare con il famoso cerchietto rosso, quello del derby con Firenze 1931. E’ l’incontro è stato all’altezza delle aspettative: le due squadre hanno messo un vetrina un buon rugby, dando vita a una partita vibrante, contraddistinta da poche azioni da meta ma palpitante e agonisticamente combattutissima.

Firenze 1931 comincia il match assai bene. Largamente dominante in touche (i due saltatori biancorossi faranno incetta di lanci senesi) e paritaria in mischia chiusa, la squadra ospite crea molti problemi alla difesa senese. In due occasioni, al 7′ e al 13′ i fiorentini non colgono due superiorità numeriche al largo che potrebbero far molto male a Siena. E’ un match di lucido combattimento agonistico. Le terze linee (sugli scudi Bocci) si esaltano nella lotta. Siena si affaccia nella metà campo avversaria solo al 17′ e due minuti dopo, con Mondet, ha l’occasione di sbloccare il punteggio, ma il calcio di punizione del mediano di mischia bianconero coglie sciaguratamente il palo. L’inerzia del match è però leggermente cambiata, e al 24′ l’arbitro sanziona nuovamente gli ospiti. Il cecchino senese, da facile posizione, centra stavolta i pali (3-0). Il ritmo è indiavolato e il pubblico apprezza. La reazione fiorentina si fa sentire ma non crea vere azioni da meta. Anzi, al 33′, in un’azione d’attacco, il forte pilone ospite Manigrasso commette una scorrettezza che gli costa dieci minuti sulla panchina dei puniti. E’ una piccola svolta del match: il temporaneo sostituto Goretti, infatti, non garantisce la stessa stabilità alla mischia fiorentina. Che inizia a soffrire.

Nella ripresa Banca Cras al 5′ allunga ancora una volta con Mondet dalla piazzola (6-0). Il doppio vantaggio non dura che pochi minuti. Infatti, all’ottavo, i saltatori fiorentini rubano una touche: l’ovale corre rapidamente di mano in mano fino all’ala Gramigni che, dalla parte opposta, vola in meta e depone in mezzo ai pali (6-5). Poi, incredibilmente, lo stesso Gremigni sbaglia il facilissimo calcio di trasformazione. La partita è in bilico, ma i senesi mostrano di avere più fiato e maggiore forza in mischia (Ferluga ha infatti aumentato i chili della mischia senese). Firenze 1931 inizia a regalare ai senesi qualche fallo di troppo e ciò consente, al 16′, ancora a Mondet di allungare dalla piazzola (9-5). Il match si decide però solo negli ultimi dieci minuti. Firenze 1931 cala ulteriormente il ritmo e Siena si fa avanti. Ottenuta una mischia ai 5 metri i senesi schiodano due volte il pacchetto ospite. Alla terza, l’arbitro concede la meta di punizione (16-6). Nel finale Mondet chiude i conti con un ultimo calcio di punizione. I ragazzi di Ferluga chiudono così, con un punteggio oggettivamente troppo pesante per l’ottimo Firenze 1931, uno dei match più importanti di questa parte di stagione. Ora dovranno andare a Livorno, ricevere la diretta concorrente Florentia, e andare infine a giocare sull’infido campo di Portoferraio. E’ questa la strada che porta ai play off.

BANCA CRAS CUS SIENA RUGBY: Gembal; Buonazia, Bertolozzi, Faleri, Porciatti; Palagi, Mondet; Carmignani, Bocci, Coltellacci; Marzi, Lazzeri; Pezzuoli, Perondi, Dupré. All. Ferluga.

FIRENZE 1931: Favilli; Fanelli, Peri, Maionchi, Gramigni; Portaccio, Orazi; Ciardini, Imprescia, Vignoli; Cecconi, Guariento; Formichi, Iandelli, Manigrasso. All. Cerchi.

ARBITRO: Giordano

MARCATORI: 24′ cp. Mondet (S). St. 5′ cp. Mondet (S); 8′ m. Gramigni (F), 16′ cp. Mondet (S), 33′ meta di punizione (S) tr. Mondet; 42′ cp. Mondet (S)

NOTE: A disposizione per Siena: Giambi, Rocchigiani, Frati, Terrero Pena, Bernardoni, Bartoli, D’Angelis. Cartellino giallo per Manigrasso (F) al 36′ pt.