Addio di Sexton al Racing-Métro?

Fin dal suo arrivo a Parigi Jonathan Sexton ha faticato ad adattarsi ai ritmi del Top 14 ed alla vita francese, arrivando ad ammettere pubblicamente le difficoltà d’ambientamento vissute. A queste si sono aggiunte le polemiche in patria per l’impossibilità del n.10 di essere a disposizione della nazionale, dovendo far fronte agli impegni con il club. Questione al centro di una lunga trattativa tra la stessa IRFU, la Ligue Nationale de Rugby e il Racing-Métro 92.

Hanno così preso sempre più corpo le voci che lo vorrebbero sul punto di ritornare in Irlanda, voci che avrebbero più di una conferma secondo quanto pubblicato da Midi Olympique, secondo cui la dirigenza del Racing sarebbe disposta a lasciare andare il 28enne n.10, che farebbe così ritorno a Leinster.

Sexton, soprannominato Jhonny Cash per questo, avrebbe però uno stipendio annuo di circa 700.000 euro, stipendio che darebbe diritto al Racing-Métro di richiedere un indennizzo monetario record per il mondo del rugby. Abbastanza per far cadere ogni ipotesi di tal genere, quantomeno nell’immediato.

L’irlandese, 43 caps internazionali, ha nel frattempo fatto sapere a RTE Sport che tali voci sono infondate e di essere pronto ad onorare il suo contratto con il club. Dichiarazione che è diventata anche l’occasione per strizzare l’occhio ai fans, con una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti di Parigi, dove, dice, in estate nascerà suo figlio.