A Gubbio Notte bianca dello sport e Mischiamoci

unnamed (2)

È stata una serata magnifica quella trascorsa venerdì sera dai tanti che hanno affollato le vie eugubine in occasione della “Notte bianca dello sport”. Un’occasione in cui il Rugby Gubbio ha saputo ancora una volta farsi apprezzare per la sua presenza, con il proprio stand in Piazza 40 martiri: giovani e meno giovani hanno potuto immergersi per una notte nello spirito rugbistico, fatto di una commistione perfetta tra cultura del lavoro, dello sport e autentica amicizia. E magari dar seguito poi a questa splendida serata, visto che sono aperte le iscrizioni ai corsi di rugby e minirugby per i bambini dai 6 anni in poi: per tutte le informazioni è disponibile il numero 324 9918 25, oppure è aperta, ogni giovedì dalle 16 alle 18 e venerdì dalle 18:30 alle 20, la segreteria in via dei Mulini a Gubbio.
Un via vai continuo dunque, animato dalle iniziative promosse, come la possibilità di prova di calcio dell’ovale o di “sfondamento” della linea avversaria, grazie alle attrezzature professionali messe a disposizione. E ancora, mini sfide per i più piccoli, pesi e macchinari per un duro allenamento, ma anche tanta musica e birra fresca, per non dimenticare mai che il rugby è anche, e soprattutto, amicizia, condivisione e voglia di stare insieme al di là del campo di gioco.
Prossimo appuntamento da non perdere targato Rugby Gubbio è fissato per giovedì 4 settembre alle ore 21, per l’incontro “Mischiamoci” rivolto a tutta la cittadinanza, che affronterà le tematiche di lavoro, scuola e sport presso la sala ex refettorio del convento di San Francesco di Gubbio. Per l’occasione, presentati dal presidente dell’Asd Rugby Gubbio 1984 Francesco Gagliardi, interverranno Marzio Presciutti Cinti, presidente “Giovani Imprenditori Umbria”, Stefano Laffi, sociologo e scrittore che presenterà la sua ultima pubblicazione “La congiura contro i giovani”, e Vittorio Munari, ex rugbista, attualmente giornalista e voce televisiva del rugby internazionale. Coordinatrice della serata sarà Maria Giovanna Fiorelli, facente parte del progetto “Posti.t” che collabora all’organizzazione dell’evento.