6 aprile 2014: a L’Aquila una città si ritrova allo stadio. Per ricordare

Il 6 aprile per chi è nato o vive a L’Aquila non è una giornata come un’altra. Il terremoto che nel 2009 colpì la città in quel giorno è un ricordo ancora vivissimo, così come la distruzione e gli oltre 300 morti.
Quest’anno il 6 aprile cade di domenica e L’Aquila Rugby gioca una partita di Serie A contro il Valpolicella. Una partita che vuole diventare un modo di ricordare.
Il comunicato del club neroverde:

L’Aquila Rugby 1936 invita gli appassionati a stringersi sugli spalti dello stadio comunale in occasione del match in programma il prossimo 6 aprile.
Nel giorno del quinto anniversario del sisma che il 6 aprile 2009 colpì la città de L’Aquila, L’Aquila Rugby 1936 sarà impegnata al Tommaso Fattori nella XIX giornata del campionato nazionale di serie A: ospite il Rugby Valpolicella.
Certamente, non sarà una partita come le altre, giocata nel giorno della memoria per tutti noi Aquilani.
Sarà, quindi, una partita all’insegna del ricordo di chi non c’è più e della necessità di non dimenticare quanto accaduto, nella speranza che non si ripetano mai più simili tragedie.
Da qui l’invito del club aquilano a stringersi sugli spalti dello stadio comunale per ricordare insieme il pilone neroverde Lorenzo Ciccio Sebastiani, l’atleta del Gran Sasso Rugby Riccardo Giannangeli e le altre 307 vittime del sisma che cinque anni fa ha sconvolto la nostra città cambiando per sempre le nostre vite.
Il match avrà inizio alle ore 15.30 e l’ingresso sarà gratuito: i cancelli dello stadio comunale saranno aperti per accogliere tutti coloro che vorranno condividere con il club aquilano alcune ore del giorno della memoria e partecipare a questa partita speciale nell’abbraccio del Tommaso Fattori.

L’articolo 6 aprile 2014: a L’Aquila una città si ritrova allo stadio. Per ricordare sembra essere il primo su On Rugby.